Ritratto del Cardinale Bernardino Spada

(1631)

GUIDO RENI

Rarissimo esempio della produzione ritrattistica di Guido Reni, il dipinto fu eseguito a Bologna tra il 1630 e il 1631, quando il Cardinal Bernardino ricopriva la funzione di legato pontificio nella città emiliana.
Vertice assoluto di introspezione psicologica, questo capolavoro della ritrattistica italiana del Seicento restituisce la nobiltà, la finezza intellettuale e la spiritualità del Cardinale, mostrato all'interno del proprio studio in atto di scrivere una missiva al pontefice, come indica la scritta Beatus Padre che compare sul foglio; alle sue spalle, l'archivio contenente la corrispondenza del porporato, una soluzione che ci trasporta sia nel mondo ufficiale che in quello più intimo del personaggio ritratto.
La magistrale abilità di Guido Reni nel rendere la naturalezza delle cose, al contempo divinizzandole, è evidente qui sia nella figura che nei dettagli dell'ambiente e dell'abbigliamento: il prezioso tono di rosa dell'abito cardinalizio, impreziosito dai pizzi della bianchissima cotta, ha una qualità tattile che il perfetto stato di conservazione dell'opera esalta pienamente.

GUIDA ALLA GALLERIA SPADA

Il volume introduce alla visita alla Galleria dove sono conservati dipinti prevalentemente del XVII secolo sculture antiche, arredi e mobili d'epoca.
  • Vicini, Maria Lucrezia.
  • Brossura, pp. 96, cm 16,5x23, ill. col.
SCOPRI DI PIù

UN INEDITO DEL GUERCINO. RITRATTI ALLO SPECCHIO DEL CARDINALE BERNARDINO SPADA

La pubblicazione del volume risponde alla volontà di tratteggiare la singolare storia di un quadro autografo del Guercino raffigurante il Ritratto del cardinale Bernardino Spada, restituito a noi da un caso fortuito...
  • A.A.V.V., a cura di M. L. Vicini
  • Brossura, 15x21 cm, pp. 48, 13 ill col. e 3 b/n.
  • € 9,00
SCOPRI DI PIù
All Rights Reserved