Miele, il trucco per riconoscere se è buono o se è adulterato e allungato

Scoprire se il miele è davvero puro o contraffatto è davvero semplice e incredibilmente veloce. Mettilo subito in pratica!

Il miele è un ingrediente naturale che viene usato da molte persone per dolcificare sia le bevande che i dolci. Ottimo da inserire anche in ricette salate, è un prodotto considerato sano in quanto di origine vegetale e più che mai ricco di proprietà benefiche. Purtroppo, si sente parlare sempre più spesso di come questo prezioso ingrediente venga costantemente contraffatto al fine di abbassarne i corsi.

come riconoscere il miele puro
Come riconoscere il miele puro Galleriaborghese.it

Nella maggior parte dei casi viene allungato e nel peggiore riceve l’aggiunta di altri ingredienti come il glucosio, lo sciroppo, il fruttosio, etc… In questi casi, ovviamente, le sue proprietà vengono a svanire mentre si va incontro ad un prodotto che rischia di essere più nocivo che buono. Come fare, quindi? Per fortuna esiste un trucco (e non solo uno) che aiuta a capire se quello che si ha davanti è effettivamente un miele buono o se, invece, è uno di quelli contraffatti.

Come capire se il miele è davvero puro

Iniziamo con il dire che, salvo che per il mele di acacia non subisce alcun processo di cristallizzazione, ogni altro miele tende a cristallizzare. Uno che rimane sempre liquido (o che lo è fin dal principio) è quindi quasi sicuramente contraffatto. Per una prova sul campo si può versare una goccia di miele direttamente sul pollice e osservare come si comporta. Se scivola allora si tratta di un miele non puro. Se, invece, rimane ben ferma allora il miele è ottimo. Questo metodo aiuta sicuramente a capire che miele si ha davanti e consente così di consumare solo quello che è puro al 100% e che, per questo, non risulterà nocivo per la salute.

come riconoscere il miele puro
Come riconoscere il miele puro Galleriaborghese.it

Ovviamente ci sono anche altri modi per constatare l’eventuale purezza del prodotto. Uno tra questi consiste nel versare un cucchiaio di miele in un bicchiere d’acqua. Se questo resta com’è andando a depositarsi sul fondo significa che è di qualità. Se, al contrario, tende a dissolversi è un miele contraffatto.

Ovviamente, questo secondo trucco è applicabile solo quando si è a casa e quindi dopo l’acquisto del miele. In ogni caso, capire quali sono i marchi dei quali fidarsi e quelli che è meglio evitare risulterà sicuramente di grande aiuto per le scelte future e per un consumo più consapevole di un prodotto che necessita di quanta più attenzione possibile. Soprattutto se si intende consumarlo quando si è a dieta o per le sue qualità benefiche.

Impostazioni privacy