Verme nella frutta: quasi nessuno sa cosa fare ma devi stare molto attento

Ti è capitato di trovare un verme nella frutta? Quasi nessuno sa cosa fare in queste situazioni, ma è fondamentale prestare attenzione.

Quando compriamo la frutta e la verdura cerchiamo di trovare sempre il prodotto più fresco possibile. Molto spesso, se abbiamo il tempo di farlo, andiamo al mercato. Magari nel fine settimana, e facciamo la spesa per qualche giorno. Se sono prodotti biologici, come ad esempio le mele, non è raro trovare un verme al loro interno.

Cosa fare se si trova un verme nella frutta
Verme nella frutta: quasi nessuno sa cosa fare, ma è fondamentale prestare molta attenzione – galleriaborghese.it

Ma che cosa dobbiamo fare se ci capita? Ovviamente non urlare e buttare tutto scappando a gambe levate! Scopriamo cosa è corretto e come possiamo utilizzare, se possibile, il frutto che ha un ospite al suo interno. Continua a scorrere.

Verme nella frutta? Ecco cosa fare

Sappiamo molto bene che può capitare di trovare un vermetto della frutta, in modo particolare se non la consumiamo subito, ma è importante sapere quali sono i rischi ai quali andiamo incontro. Se parliamo di vermi bianchi, sono le larve delle mosche: questo indica che il prodotto è stato contaminato e per tale motivo non dobbiamo assolutamente mangiarlo.

Ma se ci capita di mangiare una parte del frutto e poi ci accorgiamo che all’interno c’è un’ospite non particolarmente gradito, cosa può succedere? Diciamo che in linea di massima non sono poi così pericolosi. Il problema è sapere di che cosa si nutrono, solitamente di cibo in decomposizione.

Cosa fare se si trova un verme nella frutta
Cosa fare se si trova un verme nella frutta – galleriaborghese.it

Esistono, in ogni caso, situazioni in cui possiamo correre dei rischi per la nostra salute, in modo particolare tre. Sì, perché potremmo avere un avvelenamento batterico. Il che significa che, mangiandoli, possiamo andare incontro ad infezioni batteriche. I moscerini della frutta potrebbero essere entrati in contatto con salmonella o E-coli.

I sintomi più comuni sono nausea, vomito, diarrea e febbre. In casi particolarmente importanti anche sangue nelle feci. Altrimenti potremmo andare incontro ad una miasi. Di che cosa si tratta? È quando i vermi si nutrono dei tessuti di esseri viventi o animali. Questo può accadere nelle persone che non curano la loro igiene orale e di conseguenza la larve si depositano all’interno.

Ultimo problema che potremmo avere è una reazione allergica, ma questo accade in poche persone. Ecco quindi che si può scatenare una reazione asmatica o respiratoria. Oppure una dermatite dopo averli toccati. Insomma, se notiamo che la frutta ha un’ospite al suo interno, la cosa migliore da fare è non mangiarla. E se pensi di avere uno di questi sintomi o problemi, contatta il tuo medico curante che ti saprà indicare in che modo risolvere tutto.

Impostazioni privacy