Uno contro l’altro: Sinner, non c’è neanche il tempo di gioire

Jannik Sinner, l’Australian Open è solo l’inizio. Ecco cosa potrebbe attendere il campione azzurro dopo il trionfo a Melbourne

Il mondo del tennis ha accolto ufficialmente, nel ristretto novero dei giocatori capaci di vincere un torneo dello Slam, il nostro Jannik Sinner, il terzo italiano di sempre – almeno a livello maschile – capace di incamerare un Major dopo le imprese di Nicola Pietrangeli a Parigi (doppietta nel 1959 e 1960) e Adriano Panatta, vincitore del Roland Garros nel 1976.

Jannik Sinner rivalità Alcaraz previsione Bertolucci
Jannik Sinner, l’ascesa è appena iniziata (LaPresse) – Galleriaborghese.it

È davvero un momento magico per il tennista azzurro che, a conti fatti, negli ultimi 4 mesi ha perso solo un match di singolare: quello contro Novak Djokovic, nell’ultimo atto delle ATP Finals di Torino.

Prima e dopo, includendo anche le grandi imprese in Coppa Davis, solo vittorie per l’allievo di Simone Vagnozzi, al quale in questa sede abboniamo il ritiro di Parigi-Bercy del 2 novembre scorso. Quello causato dalla folle organizzazione del torneo che lo avrebbe voluto vedere in campo per il match di ottavi di finale contro Alex De Minaur a sole 13 ore di distanza dalla precedente partita disputata da Jannik contro McDonald, finita alle 2:37 del mattino.

L’ascesa dell’eroe di Melbourne è davvero impetuosa: tutti devono ora fare i conti con la pericolosità di Sinner, il quale presto potrebbe scalare ulteriormente quel ranking ATP che lo vede occupare ora la quarta posizione dallo scorso torneo di Pechino, peraltro vinto.

Sinner, è tutto pronto: coinvolto anche Alcaraz

Se il trionfatore di Melbourne è assolutamente on fire, non altrettanto può dirsi dell’altro fenomeno generazionale del tennis mondiale, quel Carlos Alcaraz che ha letteralmente bruciato le tappe nella sua ancor giovanissima carriera. Il nativo di Murcia ha incamerato due Major – tra cui il prestigioso Wimbldeon – a 20 anni appena compiuti, stabilendo anche il primato come giocatore più giovane della storia ad aver raggiunto la posizione numero 1 in classifica. Ultimamente però non sta brillando.

Jannik Sinner rivalità Alcaraz previsione Paolo Bertolucci
Sinner e Alcaraz, i futuri dominatori del circuito (LaPresse) – Galleriaborghese.it

In ogni caso secondo la stragrande maggioranza degli addetti ai lavori saranno proprio loro due, Sinner e Alcaraz, a rivaleggiare a lungo nel circuito negli anni a venire. Ne è fermamente convinto anche Paolo Bertolucci, leggenda del tennis italiano, che ha esposto il suo scenario nel consueto editoriale sulla Gazzetta dello Sport.

L’italiano e l’iberico possono far rivivere la rivalità più bella, quella tra Federer e Nadal, che per due decenni ha dato grande impulso e popolarità al tennis. C’è empatia tra i due, giocano per superarsi ma con grande rispetto l’uno verso l’altro. Come i grandi Roger e Rafa, anche Sinner e Alcaraz hanno tutte le caratteristiche per portare la loro sfida molto avanti nel tempo“, ha sentenziato Bertolucci.

La speranza degli appassionati è che questo scenario possa concretizzarsi. Intanto Sinner, terminati gli impegni istituzionali a Roma, è tornato a Montecarlo per allenarsi. Dal 12 febbraio sarà impegnato nell’Atp 500 di Rotterdam, in Olanda.

Impostazioni privacy