Tutti in casa abbiamo dei vecchi dischi in vinile: se nella tua collezione c’è questo puoi comprare una villa con piscina

In casa quasi tutti abbiamo dei vecchi dischi in vinile. Ora non dovrai fare altro che controllarli: se hai uno di questi sei davvero ricco. 

Una collezione di vinili può potenzialmente fruttare un bel guadagno per diversi motivi. Infatti specialmente quelli rai o fuori stampa di artisti famosi o album di culto possono essere molto ricercati dai collezionisti. La legge della domanda e dell’offerta può far aumentare significativamente il valore di questi dischi nel tempo. Ovviamente a far crescere o diminuire il suo valore sarà anche la condizione del vinile ed il suo stato di conservazione.

Vecchi dischi vinile collezione comprare piscina
Controlla subito la tua collezione di vinili – GalleriaBorghese.it

Negli ultimi anni c’è stato un ritorno all’apprezzamento della musica in formato fisico e analogico, compresi i vinili. Questo ha aumentato la domanda per i vinili tra i consumatori più giovani e i nostalgici, influenzando positivamente il mercato dei collezionisti. I vinili non sono solo oggetti di consumo, ma anche testimonianze storiche e culturali. Oggi quindi vedremo quali sono quei vinili che per il loro valore potrebbero assicurarvi addirittura una villa con piscina.

Vinili rari, questi vi faranno diventare ricchi: quali sono

Quando parliamo di musica uno dei gruppi più iconici di sempre sono sicuramente i Beatles. I loro vinili potrebbero aver raggiunto un valore da record. Nonostante la loro popolarità, non tutti i loro dischi hanno lo stesso valore monetario. Alcune edizioni limitate o rarità possono rappresentare un vero e proprio tesoro per i collezionisti. Adesso è possibile quindi scoprire la classifica dei loro vinili dal valore più alto.

Vecchi dischi vinile collezione comprare piscina
Con questi vinili puoi comprare una villa con piscina – GalleriaBorghese.it

Al terzo posto c’è “Yesterday and Today” del 1966, noto per la sua copertina controversa che ritrae i Beatles come macellai circondati da pezzi di carne e bambole. Questa prima edizione, particolarmente ricercata, può essere venduta per cifre fino a 12.500 euro. Nel 2016, una copia sigillata è stata addirittura acquistata per 105.246 euro.

Ad occupare il secondo gradino del podio troviamo una rarità ancora più unica: il singolo “Love Me Do“, con una versione inedita in acetato su di un lato. Questo pezzo unico è stato venduto per 94.321 euro, riflettendo la rarità e la domanda tra i collezionisti.

Il disco più costoso dei Beatles mai venduto è il leggendario “The Beatles” (White Album). Questo album del 1968, con una edizione speciale dotata di numeri seriali, era inizialmente di proprietà di Ringo Starr e è stato venduto all’asta nel 2015 per 579.683 euro. Conservato in perfette condizioni per 35 anni, rappresenta un’icona per i collezionisti di tutto il mondo.

Nonostante questi siano i tre vinili dei Beatles più costosi mai venduti, esistono molte altre opere del gruppo che potrebbero raggiungere cifre incredibili all’asta. Le copie firmate, ad esempio, hanno sempre una grande appeal tra i collezionisti. Un esempio è una copia firmata del vinile “Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band”, venduta nel 2013 per 223.753 euro. Insomma l’eredità artistica dei Beatles potrebbe arricchire anche voi ascoltatori se avete in casa uno di questi vinili.

Gestione cookie