Tiziano Ferro, la pesantissima battaglia che lo ha distrutto: “Volevo solo morire”

Tiziano Ferro ha vissuto periodi molti duri nella sua vita. Una pesantissima battaglia l’ha distrutto però al punto da desiderare la morte.

È uno degli artisti più famosi d’Italia eppure ha vissuto i suoi momenti più duri proprio a causa di questo enorme successo che cozzava con la sua fragile personalità. Tiziano Ferro ha raccontato una delle più dure battaglie che ha dovuto affrontare nella sua vita. Un momento così delicato e doloroso che l’ha condotto a desiderare la morte: le sue parole.

tiziano ferro problemi alcol cosa è successo
Tiziano Ferro, la pesantissima battaglia che lo ha distrutto-Foto Instagram@tizianoferro-Gallerianews.it

A guardarli certi artisti famosi ci viene da pensare a quanto siano fortunati, ma poi spesso i loro racconti spiazzano, mostrano un mondo che non è tutto rose e fiori come sembra. L’ha fatto spesso Tiziano Ferro che ha avuto la forza di raccontare uno dei momenti più duri della sua vita, un periodo che l’ha costretto a reagire in quanto aveva toccato il fondo. Ecco cosa ha rivelato l’artista.

Tiziano Ferro e il racconto sul periodo più duro della sua vita: ho desiderato la morte

Il cantautore di Latina, noto per le abilità canore e le canzoni d’amore, ha vissuto una vita per niente semplice. Spesso si è ritrovato a fronteggiare problemi gravi ai quali non sempre ha reagito nel modo migliore. Famoso in tutto il mondo, più volte disco d’oro, Ferro ha parlato dei suoi disagi in un documentario che rappresenta la sua parte più intima e fragile, mettendo in evidenza una delle sue maggiori paure.

tiziano ferro problemi alcol cosa è successo
“Volevo solo morire”-Foto Instagram@tizianoferro-Gallerianews.it

È stato infatti un alcolista ed era arrivato a un punto così drammatico da arrivare a desiderare la morte. Ecco cosa ha svelato dei suoi problemi con l’alcol e la depressione e di come ha riversato in quella dipendenza quelli che erano disagi che si portava dietro dall’infanzia: il bullismo, la violenza e tutto quello che non aveva mai affrontato davvero.

Le sue parole sull’inizio del problema con l’alcol: “Una sera la band mi convinse a bere. E da lì non mi sono fermato più. Bevevo quasi sempre da solo, l’alcol mi dava la forza di non pensare al dolore e alla tristezza, ma mi portava a voler morire sempre più spesso. Ho perso occasioni e amici. Io ero un alcolista. L’alcolismo ti guarda appassire in solitudine, mentre sorridi di fronte a tutti”. Insomma la sua dura infanzia lo aveva condotto a indossare una maschera.

Ma i problemi che non si affrontano riemergono con dolore sempre. Ed ecco che quel ragazzino che chiamavano ciccione, che tutti ritenevano sfigato da piccolo, che veniva umiliato, emerge da adulto. “La musica era l’unica cosa che avevo, un canale per esprimermi in un mondo nel quale non mi riconoscevo, Alcolista, bulimico, gay, depresso, famoso. Pure questo, famoso, mi sembrava un difetto, forse il peggiore”. Ha voluto parlare del suo problema proprio per poter aiutare tutti coloro che, come lui, hanno dovuto affrontare una vita non semplice. E sicuramente le sue parole potranno portare luce in momenti bui, come fanno le sue canzoni.

Impostazioni privacy