TFS dipendenti pubblici: l’importo reale che ricevi sul conto

Ecco come fare il calcolo del TFS per i dipendenti pubblici e tutte le altre informazioni utili per i beneficiari.

Il Trattamento di Fine Servizio (TFS) in Italia è una indennità corrisposta alla fine del rapporto di lavoro ai dipendenti pubblici statali assunti con data antecedente al 1º gennaio 2001. La liquidazione avviene al raggiungimento dei requisiti pensionistici. Per quanto riguarda calcolo e corresponsione del TFS, l’ente di competenza è nella maggior parte dei casi l’Inps.

TFS dipendenti pubblici: ecco l'importo che ricevi sul conto
TFS dipendenti pubblici: ecco l’importo che ricevi sul conto – galleriaborghese.it

Il TFS è semplicemente l’ammontare corrisposto al lavoratore del pubblico impiego che risultava in servizio al 31 dicembre 2000 al momento della cessazione del rapporto lavorativo. Ma come calcolarlo? Vediamo insieme il tutto nei minimi dettagli.

TFS: ecco come calcolare l’importo

Nello specifico, il TFS ha un valore pari a circa l’80% della retribuzione contributiva annua diviso per 12 e moltiplicato per gli anni di servizio. Questi ultimi variano a seconda della data di assunzione.

TFS dipendenti pubblici: ecco come calcolare l'importo che ricevi sul conto
TFS dipendenti pubblici: ecco come calcolare l’importo che ricevi sul conto – galleriaborghese.it

Le principali forme di TFS sono:

  • l’indennità di buonuscita
  • l’indennità premio di servizio
  • e l’indennità di anzianità.

L’indennità di buonuscita è pari all’80 per cento dell’ultima retribuzione mensile, comprende anche la tredicesima mensilità, moltiplicato per gli anni di servizio maturati. Invece l’indennità premio di servizio, erogata al personale sanitario e degli enti locali, è  1/15 dell’80 per cento dell’ultima retribuzione annua moltiplicato per gli anni di servizio maturati.

Infine esiste anche l’indennità di anzianità e si calcola moltiplicando l’ultima retribuzione mensile, comprensiva della tredicesima mensilità, per gli anni di servizio maturati. Per dipendenti pubblici assunti dopo il 31 dicembre 2000 si applica la disciplina del TFR.

L’importo si ottiene moltiplicando un dodicesimo dell’80% della retribuzione contributiva annua utile lorda, compresa la tredicesima mensilità percepita alla cessazione dal servizio, per il numero degli anni utili ai fini del calcolo. Le prestazioni sono corrisposte d’ufficio. In particolare vengono corrisposte:

  • in un’unica soluzione: ammontare complessivo lordo uguale o inferiore a 50.000 euro
  • con due rate annuali: ammontare complessivo lordo superiore a 50.000 euro o inferiore a 100.000 euro
  • in tre rate annuali: ammontare complessivo lordo superiore a 100.000 euro.

Gli iscritti alla gestione pubblica potranno scaricare il documento inserendo la propria username e password. Questo è tutto quello che c’è da sapere in merito, ma per ulteriori dettagli si possono consultare i rispettivi canali telematici.

Impostazioni privacy