Tendi a saltare da un partner all’altro? Ecco cosa questo rivela di te

C’è chi ama la stessa persona per tutta la vita e chi non riesce a restare più di tanto con lo stesso partner. Ci sono 3 segnali da tenere d’occhio, secondo uno psicologo americano.  

L’amore, parafrasando un fortunato titolo, è fatto di mille sfumature. Mentre alcune persone sono così fortunate a da trovare il proprio partner per la vita in giovane età, altre procedono su un percorso più accidentato: accumulano storie sbagliate su storie sbagliate, o semplicemente tendono a sentirsi intrappolate in una relazione monotona e ripetitiva. Il punto è: perché?

saltare da un partner all'altro cosa rivela psicologia
Certe persone restano intrappolate in un modello potenzialmente autolesionistico di “monogamia seriale” – galleriaborghese.it

Per poter rispondere all’impegnativa domanda, è essenziale avere innanzi tutto una chiara comprensione di ciò che vogliamo e non vogliamo da un potenziale partner per evitare di restare insoddisfatti e farlo/a soffrire inutilmente. Spesso alla base di relazioni deboli e sfilacciate ci sono paure e insicurezze, il terrore di legarsi per sempre alla stessa persona e, dunque, della dipendenza affettiva…

L’identikit dell’amante “provvisorio”

Vediamo alcuni segnali tipici del soggetto intrappolato in un modello potenzialmente autolesionistico di “monogamia seriale”:

  • Si sente irrequieto e annoiato nelle relazioni “serie”
  • È alla costante ricerca di emozioni
  • Passa da una relazione all’altra con estrema facilità
  • Dimentica subito le pene d’amore
  • Punta tutto sui nuovi partner trascurando le relazioni esistenti
salti da un partner all'altro perché succede
Non c’è nulla di intrinsecamente sbagliato nel “salto di relazione”, ma a volte il fenomeno nasconde problemi psicologici più profondi – galleriaborghese.it

Non c’è nulla di intrinsecamente sbagliato nel “salto di relazione”, ma a volte il fenomeno nasconde problemi psicologici più profondi, come il desiderio di occultare un difetto di personalità o per distogliere l’attenzione da altre criticità. Più nel dettaglio, l’amante “provvisorio”:

1. Potrebbe avere un’insondabile paura della solitudine.
Per alcuni individui, la paura di essere soli è troppo travolgente, con conseguente ricerca compulsiva di appuntamenti e relazioni. Essere single semplicemente non è un’opzione, in particolare per coloro che hanno una bassa autostima. Questi individui potrebbero percepire l’essere in una relazione intima come l’unico mezzo per accrescere il loro valore. Molte persone con una storia di traumi infantili e genitorialità incoerente sviluppano stili di attaccamento ansiosi e insicuri, desiderosi come sono di tenere una persona cara perennemente vicina per evitare di essere abbandonati. Questa intensa paura dell’abbandono può alla fine soffocare un partner, portando a una profezia che si auto-avvera. Di conseguenza, cercano conforto in una relazione nuova e frettolosamente costruita come mezzo di rassicurazione.

Uno studio pubblicato sul Journal of Counseling Psychology ha rivelato che anche gli individui con tratti di personalità narcisistica possono mostrare questo comportamento. Vari tipi di personalità insicura mostrano un bisogno cronico di attenzione.

2. Potrebbe usare le relazioni come trampolini di lancio.
Quando il focus di una relazione si sposta dalla connessione genuina e dall’amore al controllo, ecco che si prepara il terreno per un circolo vizioso di legami tossici. La quantità ha la meglio sulla qualità, poiché la ricerca del potere oscura il fondamento dell’amore. Anche il minimo accenno di problemi o disagio diventa un motivo per porre fine a una relazione e iniziarne un’altra. Le rapide transizioni tra le relazioni impediscono lo sviluppo di connessioni e legami autentici. L’intenzione principale dietro queste relazioni non è quella di coltivare l’impegno a lungo termine, ma di cercare sentimenti transitori di convalida e sicurezza di sé.

cambi sempre partner cosa significa
Se tendi a saltare da un partner all’altro devi sapere queste cose – galleriaborghese.it

Le relazioni costruite esclusivamente sulla convenienza e sul guadagno personale raramente durano, poiché rimangono intatte solo fino a quando servono al loro scopo immediato. Uno studio pubblicato sul British Journal of Social Psychology, ad esempio, spiega che usare il tuo partner per tornaconto personale (materiale, status sociale, ecc.) non solo porta a una relazione di breve durata, ma può anche far sentire il tuo partner vuoto, indegno e privato della sua personalità, causando molti e dolorosi traumi relazionali.

3. Potrebbe pensare che le relazioni siano interessanti, ma l’impegno non lo è.
Le relazioni, sia a breve che a lungo termine, raramente raggiungono la realizzazione a causa di una radicata paura dell’impegno. Definito anche “sindrome di Peter Pan”, questo fenomeno è comunemente osservato in individui restii a impegnarsi in un rapporto duraturo. Secondo uno studio pubblicato su Men and Masculinities, gli individui che presentano questa sindrome spesso hanno difficoltà a mantenere relazioni sane ed equilibrate, principalmente a causa della mancanza di capacità emotive di base. Tendono a eludere qualsiasi forma di responsabilità per le loro azioni. La relazione può inizialmente prosperare, ma si deteriora rapidamente non appena il partner inizia a esprimere aspettative e stabilire confini. Presi tra il desiderio di amore e l’avversione all’impegno, tali individui possono vedere l’inizio di una nuova relazione come una soluzione ideale, anche se malsana, al loro conflitto interiore.

In conclusione, le connessioni autentiche e durature richiedono la volontà di affrontare le paure, sviluppare abilità emotive e abbracciare la vulnerabilità.

Impostazioni privacy