Si ritira a 36 anni, il calcio perde un amatissimo volto

Ha deciso di dire basta con il calcio giocato a 36 anni.L’annuncio ha scosso i tifosi. Mourinho lo saluta con un messaggio commovente

Il calcio internazionale ha appena salutato un centrocampista che è sempre stato protagonista nei club in cui ha giocato. In campo, vista la sua stazza e la sua curiosa acconciatura, riusciva sempre a spiccare rispetto ai suoi colleghi.

Fellaini ritiro calcio 36 anni
Si è ritirato un big del calcio europeo (LaPresse) – Galleriaborghese.it

Se un tecnico come Josè Mourinho, da poco rimasto senza squadra dopo l’addio alla Roma, lo ha sempre rispettato molto, sia come uomo che come calciatore, un motivo ci dovrà pur essere.

Come i tifosi anche il tecnico portoghese ha appreso da poco la notizia relativa all’addio al calcio dell’ormai ex centrocampista belga Marouane Fellaini, fino a tre mesi ancora impegnato nel campionato cinese con la compagine dello Shandong Luneng. Fellaini ha deciso di appendere gli scarpini al chiodo non tanto per mancanza di stimoli, quanto per un problema alla caviglia che non lo ha mai abbandonato del tutto negli ultimi anni della sua carriera.

Fellaini, addio al calcio: si ritira a 36 anni

Assieme al brasiliano ex Chelsea Oscar, Fellaini era uno degli ultimi “superstiti” dei calciatori europei che, lo scorso decennio, convinti da ingaggi faraonici decisero di accettare le ricche proposte dei club cinesi, in una sorta di anticipazione di quanto avvenuto l’estate scorsa con la Saudi Premier League.

Da quando il governo di Pechino ha chiuso il rubinetto dei fondi destinati agli atleti stranieri, molti calciatori che prima avevano deciso di proseguire la carriera nella Chinese Super League hanno abbandonato il paese.

Fellaini ritiro calcio 36 anni
Fellaini si ritira, il saluto di Mourinho (LaPresse) – Galleriaborghese.it

Fellaini ha invece deciso di rimanere in Cina, a difendere i colori dello Shandong Luneng, ma da quando la società ha deciso di non rinnovargli il contratto ha capito che era giunto il momento di dire basta anche per il citato problema fisico alla caviglia.

Prima di approdare in Cina, il belga aveva indossato le maglie di Standard Liegi, Everton e Manchester United. In particolare ha raggiunto una certa notorietà internazionale con la maglia dei Red Devils, con cui riuscì a conquistare, quando in panchina vi era Mourinho, una Europa League, una Coppa di Lega e una Community Shield.

E proprio l’allenatore ex Roma su Instagram ha voluto ricordarlo con parole al miele: “Non dimentico chi mi ha dato tutto quello che poteva dare”, ha scritto lo Special One. “Eri e sarai sempre uno dei miei, ora riposa che quelle caviglie hanno sofferto tanto“.

Impostazioni privacy