Quest’estate ci penserai bene prima di accendere il ventilatore: il motivo è abbastanza serio

Prima di accendere il ventilatore questa estate forse è meglio capire quali sono gli effetti negativi di cui nessuno parla.

La temperatura estiva è sicuramente difficile da sopportare ma bisogna ammettere che il calore richiede necessariamente un intervento per stemperare l’afa e rendere gli ambienti più vivibili. C’è il team ventilatore e quello condizionatore.

ci penserai bene prima di accendere il ventilatore
A cosa pensare prima di accendere il ventilatore (galleriaborghese.it)

Nel primo caso si fa appello a uno strumento economico, piccolo e pratico da sistemare che produce vento localizzato. Nel secondo si ottiene la comodità di rinfrescare totalmente l’aria con lo svantaggio di dover affrontare una spesa non di poco conto e soprattutto conseguenze come manutenzione e dolori per il corpo per chi tollera male la temperatura fredda.

Ci penserai bene prima di accendere il ventilatore in estate

La questione caldo però è comune a tutti e con le ultime estati sempre più roventi è veramente difficile combattere queste temperature senza adoperare uno strumento. La cosa importante è valutare correttamente pro e contro di ognuno per capire bene cosa conviene e quale ha un impatto minore sulla salute.

ventilatore il motivo è abbastanza serio
Perché il ventilatore fa male (galleriaborghese.it)

Una delle abitudini più critiche in generale riguarda la consuetudine di dormire con il ventilatore acceso dal momento che di notte il caldo non sembra passare e dormire senza un supporto diventa praticamente impossibile.

Il primo problema è che questo strumento spinge l’aria in continuazione e quindi rende congestionati naso, gola e bocca. L’aria secca non fa che peggiorare la situazione e quindi fa scaturire mal di testa, naso chiuso, gola secca e anche difficoltà vere e proprie a respirare. Per chi è allergico è una pessima scelta perché non fa che muovere nell’aria polveri, polline e tutti residui che vanno ad accentuare i disturbi. Causa secchezza della pelle e delle mucose quindi bisogna intervenire con prodotti idratanti e colliri per sedare la situazione. Senza contare i dolori muscolari che accompagnano sempre l’uso del ventilatore, soprattutto quando si è molto sudati e l’aria viene spinta proprio in direzione del corpo.

Quindi sicuramente è un supporto e per qualcuno migliore del condizionatore ma va usato altrettanto con cautela. Questo vuol dire quindi non puntarlo direttamente sul proprio corpo, non usarlo tutta la notte e fare attenzione all’aria presente nell’ambiente circostante. In alternativa a questi due prodotti l’uso di un deumidificatore può aiutare moltissimo perché migliora la qualità dell’ambiente e rimuove il caldo che è oggettivamente difficile da gestire in estate, senza però avere alcun tipo di risvolto negativo per la salute.

Impostazioni privacy