Pier Silvio Berlusconi cambia ancora Mediaset, una rivoluzione senza fine: l’annuncio

Pare proprio che Pier Silvio Berlusconi abbia ancora intenzione di rivoluzionare Mediaset, ma cosa ha in mente l’amministratore delegato?

Questa estate per Mediaset è stata particolarmente movimentata. Pier Silvio Berlusconi, infatti, ha deciso di compiere un drastico cambio di rotta per rialzare gli ascolti della rete, non più quelli di una volta. Il pubblico, in altre parole, sembrava non essere più attratto dal trash ad ogni costo e dalla tv del dolore che scava a fondo nella vita degli altri rendendo il privato anche fin troppo pubblico.

Decisione Pier Silvio Berlusconi
Pier Silvio Berlusconi questa estate ha rivoluzionato Mediaset (Foto Ansa) – Galleriaborghese.it

E così dopo più di 15 anni Barbara D’Urso è stata fatta fuori dalla sua creatura Pomeriggio Cinque per lasciare spazio a un’informazione più impostata e seria sotto la supervisione di Myrta Merlino. Ovviamente la conduttrice non ha preso bene quello che è stato a tutti gli effetti per lei un licenziamento in tronco e immotivato. Ma la D’Urso non è stata la sola a pagare lo scotto della nuova era di Cologno Monzese.

Il Grande Fratello, infatti, l’anno scorso è stato un flop e la nuova edizione del programma sarebbe stata confermata se, e solo se, vi fosse stata la sobrietà e la compostezza come valori fondanti della nuova prima serata di Canale Cinque. Malgrado però le nuove linee guida, il GFnon sembra incollare alla tv i telespettatori.

Pier Silvio Berlusconi dice la sua sulla tv trash

Il patron di Mediaset però non rinnega in toto i contenuti prodotti dalla sua rete. Anzi, a dirla tutta l’espressione “tv trash” non gli piace nemmeno più di tanto. “Spesso infatti è una facile scorciatoia per denigrare la televisione leggera e spensierata che se fatta bene sa essere autenticamente popolare“, ha scritto Pier Silvio Berlusconi in un suo intervento contenuto sul “Libro dei Fatti 2023” edito da AdnKronos.

Decisione Pier Silvio Berlusconi
Pier Silvio Berlusconi rivendica il suo cambio di rotta a Mediaset (Foto Ansa) – Galleriaborghese.it

Ma non solo. Berlusconi Junior riconosce il valore di una televisione fatta di informazione sì, ma anche di intrattenimento genuino, ed è proprio grazie alla tv indipendente se ha avuto luogo una modernizzazione dei costumi. Non dimentichiamoci, infatti, come specialmente negli ultimi quarant’anni la tv abbia fatto e veicolato cultura nel senso più ampio del termine.

Tuttavia, il cambiamento negli studi di Cologno Monzese non solo era necessario per la stessa immagine e sopravvivenza della rete, motivo per cui l’amministratore delegato ha rivendicato con forza le sue scelte intenzionato a perseguire questa strada anche nei prossimi mesi.

Io penso che sia nostro dovere continuare a modernizzare, provarci, uscire dal consueto“, si legge ancora. “Dobbiamo riuscire a rappresentare la realtà e la società in ogni loro aspetto e con tutte le loro evoluzioni, che ci piacciano o meno“. Senza superare però quella soglia minimo di rispetto fondamentale per una tv leggera, ma non trash.

Impostazioni privacy