Perché i tappi delle bottiglie di plastica non si staccano? C’è una ragione precisa

Avrete notato che la maggior parte delle bottiglie di plastica attualmente in commercio hanno tappi che non si staccano del tutto: ma perché?

Le bottiglie di plastica si usano moltissimo durante tutto l’arco dell’anno, ma soprattutto d’estate ne facciamo largo uso. Con il caldo afoso, infatti, ci viene naturale recarci al primo bar e acquistare una bottiglietta d’acqua in grado di rinfrescarci. Avrete notato che, ormai da un po’ di tempo, il tappo di molte di queste bottigliette non si stacca del tutto. Ma come mai?

tappi bottiglie plastica
Perché i tappi delle bottiglie di plastica non si tolgono del tutto (in molto casi)? – galleriaborghese.it

In realtà esiste una ragione ben precisa di questo “cambio di rotta” fatto negli ultimi tempi. E no si tratta certo di una moda passeggera ma di un’esigenza dettata dall’attuale crisi climatica. Ecco tutto ciò che dovete sapere sull’argomento.

Bottiglie di plastica, perché i tappi non si tolgono del tutto?

Molti brand che producono bottiglie d’acqua o bibite si stanno adeguando alle regole che entreranno in vigore dal 2024: il prossimo anno, infatti, entrerà in vigore la normativa UE secondo la quale tutte le bottiglie di plastica dovranno avere quelli che vengono definiti “tethered cap”, ovvero i tappi che si staccano sono il parte rimanendo ancorati alla bottiglia. La normativa richiederà nello specifico tutte le bottiglie in PET (polietilene tereftalato) al di sotto dei 3 litri di capienza debbano avere il tappo non completamente estraibile.

tappi bottiglie plastica non si tolgono perché
Nel 2024 entrerà in vigore una nuova normativa sulle bottiglie di plastica – galleriaborghese.it

Il motivo? Ridurre l’inquinamento ambientale. Sono infatti molti i tappi di bottiglie che si disperdono ogni giorno nell’ambiente (e nei mari, sempre più inquinati) rendendo difficile la raccolta e lo smaltimento. E la plastica dispersa nell’ambiente, si sa, può restare nell’ambiente anche per 1000 anni. Si tratta senza dubbio di un piccolo passo ma estremamente importante per la lotta contro le microplastiche.

Un recente studio portato avanti dal WWF ha riscontrato che l’inquinamento ambientale prodotto dalla plastica ha raggiunto livelli insopportabili e meno del 10% viene correttamente riciclato. Ragion per cui è apparso essenziale un provvedimento netto a riguardo. Un altro importante obiettivo è chiaramente la riduzione dei contenitori in plastica attualmente disponibili su larga scala nei supermercati di tutto il mondo.

Si sta infatti pensando di ridurne la produzione per ridurre, consequenzialmente, i rifiuti di questo tipo, tra i più dannosi per l’ambiente. Si tratterà chiaramente di una rivoluzione lenta che avverrà nel corso di molto anni, ma anche il più piccolo dei passi è essenziale per poter segnare una svolta decisiva in grado di migliorare il rapporto tra l’uomo e l’ambiente.

Impostazioni privacy