Paola Ferrari, scoppia il finimondo per le sue parole: “Vecchia e avvilente”

Paola Ferrari e la sua crociata contro alcuni volti del mondo del giornalismo sportivo. Arrivano frecciate al vetriolo.

Tra le donne che hanno saputo meglio interpretare il ruolo della televisione sportiva c’è sicuramente Paola Ferrari, volto noto della Rai sin dalla metà degli anni ’90. In queste settimane, in diverse interviste, ha fatto discutere per alcune sue dichiarazioni abbastanza scomode sulle colleghe più giovani. Senza timore ha messo sul piatto nomi e cognomi, tirando in ballo sia Melissa Satta che Diletta Leotta.

Paola Ferrari a ruota libera sulle colleghe: "Scena vecchia e avvilente"
Paola Ferrari, dure parole sulla nuova generazione di giornaliste sportive – galleriaborghese.it (YT @Rai)

Le due sono state protagoniste in questi anni, soprattutto nel mondo del calcio sul piccolo schermo. L’atteggiamento di entrambe però non sarebbe andato giù alla Ferrari, che non ha risparmiato critiche anche abbastanza aspre. Le protagoniste della sua invettiva non hanno voluto gettare benzina sul fuoco, glissando in parte sugli attacchi ricevuti.

Paola Ferrari contro Melissa Satta e Diletta Leotta: “Danno sostanza a uno stereotipo”

Se ci fossero stati ancora dubbi sulla schiettezza di Paola Ferrari è stata lei stessa a spazzarli via in men che non si dica. Tutto nel giro di qualche giorno, a ruota libera ha parlato del nuovo modo di fare televisione sportiva lontano anni luce dal suo ideale. La giornalista anche per quest’anno è il volto di Domenica Dribbling, edizione attuale della celebre trasmissione con cui ha cominciato in Rai nel 1995.

Paola Ferrari se la prende con Melissa Satta e Diletta Leotta: "Stereotipo sbagliato"
Paola Ferrari, 63 anni, è il volto di Domenica Dribbling su Rai 2. Il suo percorso inizia negli anni ’90 – galleriaborghese.it (YT @Rai)

In riferimento alla tanto chiacchierata partecipazione di Melissa Satta allo Sky Calcio Club aveva commentato così: “La funzione di Melissa è quella di dare sostanza a uno stereotipo dei più triti, anche tutti quei risolini quando si è tolta la giacca, una scena vecchia e avvilente”. Al che la showgirl aveva provato a difendersi durante l’intervista con Francesca Fagnani a Belve: “Questa è una rosicona. Cosa c’è di male? Togliere la giacca toglie la professionalità a una donna?”.

Infine la Ferrari intervenuta in radio a Un Giorno da Pecora ha corretto il tiro: “La mia critica non era a lei ma al calcio che è profondamente maschilista, io sono una rompiscatole sul tema delle donne nel mondo del calcio. Ma adoro Melissa, non la offenderò mai, è una donna talmente bella che ferma il sole”.

Nel suo discorso in realtà era finita anche Diletta Leotta, di lei ha detto: “Non mi piace il modello femminile che porta avanti. Atteggiamenti così vistosi non fanno per me. Diletta è furba e fortunata, fa un sacco di soldi, beata lei, però non si può mitizzare un’immagine di donna perfetta con il seno che sfida la forza di gravità: non è reale. Secondo me è molto brava, ma nessuno se ne accorge, nessuno ne parla”.

Impostazioni privacy