Non si trova in casa l’oggetto più sporco: lo tocchi tutti i giorni e non lo hai mai pulito, peggio della tavoletta del Wc

C’è un oggetto che usiamo tutti i giorni e che è tra i più sporchi con cui entriamo in contatto: non è la tavoletta del WC e non è nemmeno il cellulare!

Nel corso della Pandemia abbiamo imparato a nostre spese quanto sia importante sanificare periodicamente tutte le superfici con cui entriamo in contatto più spesso allo scopo di limitare la diffusione di microorganismi patogeni.

oggetto più sporco
Qual è l’oggetto più sporco in assoluto? – galleriaborghese.it

La verità, però, è che certamente non è possibile igienizzare tutto ciò che tocchiamo e, per questo motivo, è assolutamente impossibile (e comunque non necessario) evitare completamente qualsiasi contatto con germi e batteri. Il motivo, come ripetono sempre i pediatri, è che il sistema immunitario si fortifica entrando in contatto con questi microorganismi, mentre si indebolisce se vive in ambienti completamente asettici.

Nonostante tutto però è bene vivere in ambienti puliti e non trascurare la pulizia di quegli oggetti di uso quotidiano in cui possono accumularsi germi in grandissime quantità. Uno di questi oggetti si trova all’interno della nostra auto e, probabilmente non avremmo mai pensato a quanto possa essere pericoloso.

Questo è un oggetto sporchissimo: come pulirlo

Il volante è un oggetto che viene sottoposto a un uso intenso e continuo, soprattutto se prendiamo la macchina ogni giorno per più ore al giorno. Il costante contatto con le mani del guidatore fa anche sì che sia un pericoloso veicolo di contagio, quindi è importantissimo pulirlo accuratamente.

pulire oggetto più sporco
Pulire il volante è importantissimo – galleriaborghese.it

Il motivo per cui sul volante si accumulano microorganismi patogeni è che le nostre mani sono spesso sporche (anche se non ce ne rendiamo conto) e quindi depositano moltissimo sporco sulle superfici che toccano. Oltre a questo, le mani sudano, soprattutto quando compiono sforzi, e depositano sulle superfici uno strato di sebo, cioè di grasso cutaneo su cui polveri, germi e batteri aderiscono molto facilmente e per lunghi periodi.

Considerando anche che in auto non ci limitiamo solo a guidare ma spesso mangiamo oppure entriamo e guidiamo con le mani sporche per aver toccato la portiera (dove possono esserci tracce di escrementi di uccelli), si capisce come i microorganismi presenti sul volante possano moltiplicarsi in maniera esponenziale.

Per evitare pericoli è necessario pulire accuratamente il volante il più spesso possibile. Per una pulizia quotidiana andranno benissimo le salviettine sanificanti, mentre per una pulizia più profonda, da eseguire almeno una volta al mese, si potranno usare uno straccio umido e dello sgrassatore, a patto però di risciacquare accuratamente il volante dopo la pulizia.

Impostazioni privacy