Musicassette, ne avete ancora? Queste valgono migliaia di euro

Se avete ancora a casa delle musicassette, non buttatele via: alcune valgono migliaia di euro. Ecco quali potrebbero arricchirvi.

Prima dell’avvento degli mp3 la musica veniva ascoltata con le musicassette. Si tratta di oggetti sconosciuti ai più giovani ma che hanno fatto viaggiare con la testa e la fantasia generazioni di persone tra gli anni ’70 e gli anni ’90. Per ascoltare una musicassetta c’era ovviamente bisogno di uno stereo o walkman.

Quanto si guadagna a vendere una videocassetta rara
Avete ancora delle musicassette a casa vostra? Queste valgono una fortuna – galleriaborghese.it

Con l’avvento della musica digitale le musicassette sono state dimenticate ma spesso, facendo pulizie in casa, può capitare di trovarne qualcuna in soffitta o in garage. Ebbene, il consiglio è quello di non buttarle via nella spazzatura perché ce ne sono alcune che potrebbero valere migliaia di euro.

Musicassette rare che valgono una fortuna: quali sono

Nonostante siano in disuso il mercato delle musicassette nel mondo è tornato a salire, seguendo lo stesso meccanismo dei fan con i CD ed i vinili. Molti sono alla ricerca di musicassette costose ed introvabili e sono disposti a pagare anche migliaia di euro per averle. Vediamo le musicassette più ambite quali sono.

I fan sono disporsi a sborsare 1.500 euro per una musicassetta dei Macintosh Plus e, nel dettaglio per Floral Shoppe. si tratta del nono lavoro in studio di Ramona Andra Xavier, nota per l’appunto come Macintosh Plus. Stesso presso per The Madonna Collection del 1987 destinato solo alle Filippine, che conteneva quattro album della cantante: Like a Virgin, Who’s That Girl, You Can Dance e True Blue.

Quanto si guadagna a vendere una videocassetta rara
Queste musicassette valgono una fortuna – galleriaborghese.it

Una musicassetta di Buck 65, Year Zero + Unreleased Material (1996) è stata invece venduta a 1.729€. La particolarità di questa cassetta è che i due lati contengono due dischi differenti, pubblicati sotto altrettanti pseudonimi diversi. Ben 2.220 euro, invece per 24 Hours (1980) dei Throbbing Gristle, che include 26 cassette, divise tra 23 performance live e 3 album in studio.

Venduto a 2.300 euro Untieddiaries 1979-87 (1987) di vari artisti. Le musicassette erano incluse in una valigetta nera, per un totale di 50 esemplari che peraltro non potevano essere acquistati nei negozi, ma solo tramite ordine postale direttamente da United Diaries. Prezzo record di 4.017 euro per The Versace Experience – Prelude 2 Gold (1995) di The Artist Formerly Known As Prince (pseudonimo utilizzato dal celebre Prince). Esistono circa 300 copie di questa cassetta, distribuite ai vari partecipanti della sfilata Versace organizzata per l’occasione.

Infine, tra le musicassette più ricercate dagli appassionati c’è senza ombra di dubbio Xero – Xero (1997) venduto a ben 4.500 euro. Dietro a questo nome oscuro si nascondono quelli che sarebbero diventati poi i Linkin Park, band simbolo del nu metal all’inizio degli anni ‘2000. Di questa musicassetta esistono solo 12 esemplari.

Impostazioni privacy