Meteo, in arrivo una pesante incursione artica: fenomeni estremi e neve in pianura

Novità dal punto di vista meteo per la penisola italiana. Una nuova incursione artica porterà fenomeni estremi: neve anche in pianura.

Il panorama meteorologico è destinato a subire un cambiamento repentino con l’arrivo di un fenomeno che prende il nome di esplosione Artica. Questo fenomeno è il risultato di modifiche nelle correnti generali e nelle masse d’aria che influenzano l’Europa sud-occidentale inclusa l’Italia. Nel dettaglio ci sarà un abbassamento di latitudine causato dallo sgretolamento dell’alta pressione delle Azzorre, che potrebbe portare ad un cambio significativo delle condizioni meteorologiche. Attualmente un forte anticiclone sta influenzando il clima italiano.

Meteo incursione artica fenomeni estremi
Un incursione artica è pronta ad abbassare le temperature – Galleriaborghese.it

Questa stabilità meteorologica è destinata ad avere vita breve. Questo a causa di inversioni termiche notturne che porteranno anche alla formazione di nebbie. Il cambiamento avverrà dopo il 7 febbraio, quando è previsto un notevole cedimento dell’alta pressione con l’influenza di basse pressioni sull’Italia. Dal 10 febbraio in poi l’Italia è pronta a ricevere delle nuove perturbazioni nord-atlantiche, interrompendo il prolungato periodo di siccità. Sono diverse le conseguenze che avrà questa vasta perturbazione che coprirà il cielo per diversi giorni.

Meteo, arriva l’incursione artica: come cambia il clima nei prossimi giorni

L’incursione artica dovrebbe entrare in pieno regime a partire dal 7 febbraio, con i suoi effetti che si faranno sentire maggiormente tra il 10 ed il 12 febbraio. Questo potrebbe essere il preludio ad un calo delle temperature significativo, con addirittura valori al di sotto delle medie stagionali. La causa di questo cambiamento è associato all’abbassamento di latitudine della Cella di Ferrel, che solitamente si mantiene in posizioni più settentrionali durante questa stagione. Questo movimento influenzerà l’arrivo di masse di aria di origine artica sulla penisola.

Meteo incursione artica fenomeni estremi
Cosa potrebbe accadere nei prossimi giorni – GalleriaBorghese.it

In Italia quindi avremo delle condizioni più invernali. Al momento sulla penisola è presente un’alta pressione dominante che sta garantendo un clima mite e poco invernale. Le previsioni per il mese però indicano anche un indebolimento del Vortice Polare ed una diminuzione dell’indice NAO (North Atlantic Oscillation), che potrebbero portare a una prima ondata di freddo significativa tra l’8 e il 10 febbraio. La Cella di Hadley tropicale, responsabile di anomalie climatiche in Europa sud-occidentale, persiste in una posizione insolitamente settentrionale.

Questo movimento influenzerà le condizioni meteorologiche, con l’abbassamento di latitudine della Cella di Ferrel che è atteso come un cambiamento chiave che potrebbe portare a un ritorno delle condizioni invernali, con impatti positivi per gli appassionati di sport invernali e per le regioni montane. Ovviamente trattandosi di previsione, non c’è nulla di certo visto che il meteo è in continua evoluzioni e le condizioni possono cambiare rapidamente.

Quel che è certo è che gli esperti hanno notato, almeno per ora, un possibile ritorno di condizioni atmosferiche rigide su tutto il paese. Febbraio potrebbe essere il mese dell’inverno, che ad oggi ha latitato per gran parte della stagione. Anche questa settimana abbiamo potuto notare delle condizioni pressoché miti, con pochi fenomeni e temperature ben al di sopra di quelle invernali. L’unica speranza risiede nell’incursione artica che potrebbe rinvigorire la stagione più rigida dell’anno.

Impostazioni privacy