Ma che si mangia il giorno di Ferragosto? Il menù tradizionale e quello che non può proprio mancare

Tantissimi italiani si stanno organizzando per trascorrere al meglio la giornata di Ferragosto. Ma qual è il menu più ricercato?

La festa di Ferragosto è la più amata e desiderata dell’anno, poiché capita nel cuore dell’estate e durante le tanto attese ferie lavorative. Tuttavia, poche persone conoscono le origini di questa tradizione antichissima. Infatti, secondo gli storici nacque nell’epoca dell’antica Roma con il termine latino Feriae Augusti, che significa “riposo di Augusto”.

cosa mangiare a ferragosto
Ricette da cucinare a Ferragosto: ecco cosa mangiare in questa giornata speciale – galleriaborghese.it

In altre parole, i romani crearono un giorno di festa per onorare il primo imperatore di Roma, cioè Ottaviano Augusto (persino la parola “agosto” deriva da Augusto). Per la precisione, nel 18 a.C. lo stesso imperatore decise di inserire dei periodi di festa e di riposo durante il Ferragosto, proprio nei giorni in cui terminavano i lavori agricoli.

Il menu tradizionale di Ferragosto

Solitamente, la festa del 15 agosto è caratterizzata da una gita e da un menu tradizionale che si tramanda da secoli, che può essere portato anche nelle zone di campagna o di mare per un picnic. Quindi, perlopiù si tratta di un pranzo al sacco costituito da ricette piuttosto veloci e non elaborate. Come è stato descritto in precedenza, il Ferragosto è una giornata molto antica e sentita da tutti gli italiani. Perciò ogni zona della penisola ha creato una propria ricetta tradizionale nel corso dei secoli.

Cosa mangiare a Ferragosto
I piatti tradizionali di Ferragosto – galleriaborghese.it

Inoltre, tuttora sono ancora presenti delle celebrazioni molto simili a quelle che si praticavano ai tempi dell’Impero Romano, come ad esempio il famoso “Palio dell’Assunta” che si celebra il 16 agosto a Siena. Dopo l’epoca romana la tradizione continuò e fu portata avanti dalla Chiesa Cattolica, la quale la fece coincidere con la festa dell’Assunzione di Maria.

Chiaramente, anche nelle epoche successive l’obiettivo principale delle persone era il riposo, il relax, una piacevole gita in montagna o al mare. E, soprattutto, un buonissimo pranzo con amici o parenti. Pertanto, una delle ricette più tradizionali è chiamata “i taralli di Ferragosto”: si tratta di un tipico piatto della Campania, formato da una copertura glassata fatta di acqua e zucchero e spruzzata con un pò di limone. Un’altra ricetta molto ricercata sono gli zitoni di Ferragosto, nati sulla Costiera Amalfitana.

Questi ultimi sono caratterizzati da degli zitoni molto lunghi di pasta secca, i quali vengono immersi in un buonissimo sugo di pomodori freschi, secchi e capperi. Inoltre, il tutto può essere arricchito con una deliziosa mozzarella di bufala. Continuando la lista delle ricette tipiche da cucinare il 15 agosto, è possibile trovare gli gnocchi al sugo di papera, cucinati con un delizioso ragù formato da carne di oche. In seguito, si consiglia di cucinare anche il piccione arrosto, che è un piatto tradizionale della Toscana realizzato soprattutto nel giorno di Ferragosto.

Impostazioni privacy