Lino Banfi, la tragedia devastante per l’attore: “Perdonaci”

A seguito di una terribile tragedia, Lino Banfi ha voluto rompere il silenzio e ricordare ancora una volta il ragazzo scomparso.

Lino Banfi è uno di quegli attori consacrati al mondo del cinema durante gli anni ’80 grazie alla commedia sexy. Un artista a tutto tondo che è riuscito a farsi amare dal 1954, anno in cui è entrato a far parte della compagnia di Arturo Vetrani debuttando così in un teatro di varietà a Milano. Solo del 1974 ha debuttato in tv con Biblioteca di studio uno. Invece, per quanto riguarda il suo esordio al cinema, bisogna fare un salto indietro e tornare al 1960, anno in cui ha fatto una piccola apparizione nel film Urlatori alla sbarra di Lucio Fulci.

La tragedia che ha vissuto Lini Banfi
Lino Banfi e la terribile tragedia vissuta. Foto: Ansa – galleriaborghese.it

Lino Banfi è riuscito a recitare in numerosi film in qualità di protagonista. La sua vena comica ha portato i personaggi che ha interpretato a diventare delle vere e proprie icone nel mondo dello spettacolo. Basti pensare al film L’allenatore nel pallone in cui fa il sue esordio con il mitico Oronzo Canà oppure altri film in cui ha recitato insieme al Renato Pozzetto e Paolo Villaggio come Grandi magazzini, Scuola di ladri e I pompieri. Un artista che ha dato molto da un punto di vista professionale anche se, per quanto riguarda la sua vita privata, ha provato molta sofferenza.

La tragedia che ha colpito la vita di Lino Banfi

Non molto tempo fa il nome di Lino Banfi è apparso in uno degli eventi di cronaca più terribili. Si è parlato infatti del pronipote Amanuel, un ragazzo di 18 anni morto suicida. La famiglia del giovane ha preso la decisione di donare le sue cornee. Al giovane l’attore ha dedicato un pensiero molto commovente scrivendo “Speriamo che la persona che avrà i tuoi intensi occhi, che hai voluto donare, veda il futuro meno devastante. Ciao adorabile e fragile Amanuel”.

lino banfi ricordo straziante
Il dolore provato da Lino Banfi al momento della morte del pronipote Amanuel. Foto: Ansa – Galleriaborghese.it

Il ragazzo diciottenne si è lanciato nel vuoto dal settimo piano di casa a Milano. Nel momento in cui sono arrivati i soccorritori, Amanuel era ancora vivo anche se in condizioni molto gravi. Nonostante la corsa disperata verso il Pronto soccorso all’ospedale San Raffaele, le condizioni del ragazzo erano critiche al punto che purtroppo non è riuscito a sopravvivere.

Un evento più che tragico per Lino Banfi il quale ha voluto dare un ultimo saluto al pronipote attraverso un post su Facebook. L’ha voluto ricordare quando era un fagottino impaurito che però è riuscito a riempire la vita di tutta la famiglia arricchendola di felicità. Con il passare del tempo anche Amanuel è cresciuto anche se è diventato presto un gigante “fragile”.

Lino Banfi ha ricordato ancora il grande affetto della mamma, del papà, della sorellina e dei nonni verso il ragazzo, un affetto talmente grande al punto da suscitare anche la gelosia della sorella che però adesso lo cerca in modo disperato: “Ma tutti noi presi da tanta felicità e tanto amore non abbiamo saputo comprendere il dramma che ti divorava dentro. PERDONACI. IL resto della nostra vita sarà un inferno. Vola ora tra gli angeli”.

Impostazioni privacy