L’Aspirina si prende a stomaco vuoto o pieno? La scelta è questa e sono in molti a sbagliare

L’Aspirina è uno dei farmaci più utilizzati, ma sappiamo davvero qual è il metodo di assunzione più corretto? Scopriamolo insieme.

Siamo umani, e per quanto il nostro organismo possa essere forte, nessuno di noi può considerarsi invincibile. Per questo motivo, capita a tutti di doversi fermare e concedersi qualche giorno di riposo, che sia a causa di un semplice mal di testa, dell’influenza o dell’insorgenza di fastidiosi dolori. In questi casi, ovviamente, la prima cosa da fare è quella di consultare il proprio medico il quale, una volta fatta la diagnosi, si occuperà anche di prescrivere il medicinale più idoneo alla risoluzione del problema.

effetti indesiderati aspirina
Ecco gli effetti indesiderati dell’aspirina Galleriaborghese.it

Fortunatamente, ad oggi, disponiamo di un’ampia gamma di farmaci dalla quale possiamo attingere nel momento del bisogno, e tra essi, uno tra i più versatili e utilizzati è senza dubbio l’Aspirina. Quest’ultima, infatti, appartiene alla categoria dei cosiddetti “FANS”, ovvero, “farmaci antinfiammatori non steroidei.” La sua funzione, in parole povere, è quella di inibire processi i infiammatori che, nella maggior parte dei casi, provocano febbre e dolori.

Aspirina: meglio prenderla a stomaco vuoto o a stomaco pieno?

Nonostante sia in commercio da molto tempo e il suo utilizzo sia piuttosto diffuso, alcune persone hanno ancora un unico e grande dubbio sul metodo di assunzione dell’Aspirina, ovvero, se sia meglio prenderla a stomaco pieno o a stomaco vuoto. Se anche tu desideri ricevere maggiori delucidazioni a riguardo, non ti resta che proseguire la lettura.

Il metodo migliore per assumere l'Aspirina
Il metodo migliore per assumere l’Aspirina – galleriaborghese.it

Quando per risolvere un problema di salute ci affidiamo al potere dei medicinali in commercio, una delle prime domande che ci poniamo riguarda il metodo di assunzione. La risposta, ovviamente, varia in base non solo al tipo di farmaco, ma anche da persona a persona. L’Aspirina, ad esempio, può essere assunta sia a stomaco pieno sia a stomaco vuoto, e dire quale sia l’opzione più adatta a a ognuno di noi spetta al proprio medico curante.

In linea generale, però, è possibile affermare che se assunta a stomaco vuoto, l’assorbimento dell’Aspirina da parte dell’organismo avviene in maniera più rapida, motivo per il quale i primi sintomi di miglioramento saranno visibili in minor tempo. Tuttavia, tale scelta in genere non è affatto indicata per coloro i quali soffrono di problemi gastrointestinali, perché il farmaco in questione può svolgere un’azione irritante sulla mucosa gastrica.

L’assunzione dell’Aspirina a stomaco pieno, per contro, evita che si manifestino eventuali sintomi irritanti quali, ad esempio, il bruciore di stomaco, ma il rilascio del farmaco nell’organismo avverrà in maniera più lenta.

Impostazioni privacy