Lady Diana, l’ultima telefonata con il figlio Harry prima di morire: “Me ne pentirò per sempre”

Un frammento commovente che svela la profondità dell’addio di una madre e il suo impatto duraturo sui principi.

In quel caldo 31 agosto del 1997, una breve telefonata tra due adolescenti e la loro madre in vacanza in Francia sembrava una banalità, un momento fugace di condivisione. I giovani principi William ed Harry desideravano immergersi nei giochi con i cugini, affamati di avventure e ignari del fatto che quella chiamata sarebbe divenuta un nodo indissolubile nei fili del destino.

La telefonata del 31 agosto
L’ultima telefonata di Lady Diana: il rimpianto eterno di Harry (credit Ansa) – galleriaborghese.it

La loro madre, la principessa Diana, non avrebbe mai immaginato che quella notte sarebbe stata la sua ultima. Un tragico incidente nel tunnel dell’Alma a Parigi avrebbe spezzato la vita della principessa, lasciando i suoi figli con il peso di un addio troppo improvviso e doloroso. I principi hanno raccontato quella giornata nel documentario di ITV intitolato “Diana, nostra mamma: la sua vita e la sua eredità”.

L’ultima telefonata con la mamma

William, all’epoca quindicenne, riflette sul rimpianto che lo ha accompagnato per anni: “Harry ed io avevamo una fretta dannata di salutarla... Se avessi saputo cosa sarebbe successo, non avrei trattato quella telefonata con indifferenza.

L'addio di Lady Diana
L’ultima telefonata di Lady Diana: il rimpianto eterno di Harry e William (credit Ansa) – galleriaborghese.it

Harry, allora dodicenne, condivide il suo peso emotivo nel documentario, rivelando che quella breve chiacchierata è diventata un’ombra che lo segue costantemente, un rimorso che non svanisce nel tempo. La loro vulnerabilità si svela nel racconto di quei momenti, e il pubblico si trova ad essere testimone di una dolorosa introspezione.

Il documentario non si limita alla tristezza della perdita, ma si spinge oltre, offrendo uno sguardo intimo sui ricordi preziosi. William, a tredici anni, ritornò a casa per scoprire una sorpresa orchestrata con amore dalla principessa Diana. Sulle scale di casa, Cindy Crawford, Naomi Campbell e Christy Turlington aspettavano di fargli un inaspettato e memorabile saluto.

La scena si dipinge vividamente mentre William racconta di essere diventato rosso in volto e di aver balbettato, inciampando per le scale. Un sorriso si disegna sul suo volto mentre rivive quel momento, un ricordo che, nonostante la tragica ombra della perdita, brilla come un raggio di luce nella sua memoria.

Il documentario si rivela così un viaggio emozionale attraverso il tempo, una narrazione che intreccia la tristezza della scomparsa con la dolcezza dei ricordi. La brevità di quella telefonata diventa, attraverso le parole di William ed Harry, un simbolo della fragilità della vita e della sua imprevedibilità. Il pubblico è invitato a riflettere su quanto sia prezioso in ogni istante e su come le scelte apparentemente insignificanti possono plasmare il corso dei destini.

Impostazioni privacy