La tua relazione viene distrutta dalla sindrome del coinquilino e non te ne accorgi: rimedia subito

Ci sono dei casi in cui la relazione a due finisce per cadere nella sindrome del coinquilino. Ecco i sintomi e i possibili rimedi.

In una relazione di coppia, specie se di lunga data, possono nascere problemi che ci si trova ad affrontare e superare in due. Tra i tanti, però, uno in particolare sembra passare troppo spesso in secondo piano e si tratta della sindrome del coinquilino.

sintomi sindrome del coinquilino
Sindrome del coinquilino ecco come riconoscerla Galleriaborghese.it

Questa sindrome riguarda le coppie che non hanno più alcuna intimità ma che, ciò nonostante, continuano a vivere insieme proprio come due amici affiatati che si dividono incombenze, spese, pulizie e che talvolta riescono persino a stare molto bene insieme. Il tutto, però, senza una vera coesione di tipo emotivo. Per fortuna si tratta di un problema che si può riconoscere facilmente e che ha anche delle soluzioni.

Come riconoscere e superare la sindrome del coinquilino

Si dice che l’abitudine sia la tomba della passione e ciò può verificarsi anche in una relazione di coppia. Andare a vivere insieme (che si tratti di convivenza o di matrimonio) e dar vita a delle routine può infatti spegnere la passione e portare la coppia a vivere più un rapporto di amicizia che d’amore. Quando ciò avviene, l’intimità di coppia e i rapporti tra le lenzuola (che non sono necessariamente la stessa cosa) svaniscono lasciando un rapporto freddo o nei casi più fortunati di amicizia ma con una mancanza che si sente e che fa male ad entrambi.

come riconoscere e superare la sindrome del coinquilino
Come riconoscere e superare la sindrome del coinquilino Galleriaborghese.it

Per essere più precisi, la sindrome del coinquilino riguarda quelle coppie che non riescono a trovare momenti di intimità di alcun tipo, che non parlano mai del problema, che si tuffano nella routine per non pensarci e che sentono che tra loro si è spento qualcosa ma non trovano il coraggio per affrontare il problema.

Risolvere questa situazione è fortunatamente possibile ma solo se c’è impegno da entrambe le parti e se , ovviamente, non si hanno dubbi sulla propria relazione. Per riuscirci è infatti indispensabile parlarne e affrontare le emozioni personali e del partner. Fatto ciò si dovrà iniziare ad aver maggior cura possibile dell’aspetto emotivo della relazione e, appunto, dell’intimità di coppia. A tutto ciò si dovrà aggiungere anche tanta pazienza perché i progressi sono solitamente lenti e graduali. Un buon trucco, in tal senso, può essere quello di provare a corteggiarsi come all’inizio di una relazione e senza dare mai nulla per scontato.

Infine, se proprio non si riesce ad uscirne da soli si può chiedere aiuto ad un terapeuta di coppia al fine di trovare le strategie giuste per riprendere la giusta confidenza e riaccendere la passione. In questo modo il rapporto tornerà come e meglio di prima e la coppia ne ricaverà una forza e una stabilità maggiori.

Impostazioni privacy