Insonnia e debolezza muscolare sono tra i primi sintomi di questa seria malattia: pochi lo sanno

L’insonnia e la debolezza muscolare possono essere un campanello di allarme. Sono proprio tra i primi sintomi di questa grave patologia. 

Quanti di noi la notte faticano a prendere sonno? Ansia, stress e cattiva digestione possono causare tal problematica. Così come la presenza di debolezza muscolare potrebbe essere causata da stanchezza e stress. Ma sfortunatamente, questi due sintomi, insonnia e debolezza, possono essere il campanello d’allarme di una patologia molto più grave.

Insonnia e debolezza muscolare possono essere un campanello d'allarme:. ecco cosa devi sapere
Insonnia e debolezza muscolare possono essere un campanello d’allarme:. ecco cosa devi sapere – galleriaborghese.it

Dunque, attenzione. Dietro queste due problematiche potrebbe nascondersi qualcosa di molto più serio. Vediamo insieme il tutto nel dettaglio. Ricorda inoltre che la tua salute è un bene prezioso e come tale va tutelata e salvaguardata.

Insonnia e debolezza muscolare: inizio di una grave patologia

L’ipertiroidismo è una sindrome clinica causata da eccessiva produzione di ormoni tiroidei, ovvero la tiroide è iperattiva. L’eccesso di ormoni tiroidei circolanti provoca un’aumentata esposizione degli organi bersaglio alla loro azione, che determina lo sviluppo di alterazioni a carico del sistema nervoso e del cuore.

Soffri di insonnia e ti senti debole? Potrebbe essere l'inizio di una grave malattia
Soffri di insonnia e ti senti debole? Potrebbe essere l’inizio di una grave malattia – galleriaborghese.it

Infatti nel paziente con ipertiroidismo, il battito cardiaco accelera, il grasso corporeo ed i muscoli si riducono, il soggetto tende a sudare e a soffrire gli ambienti caldi e così via. Diverse condizioni patologiche hanno come risultato un’iperproduzione di ormoni da parte della tiroide. Sulla base di questa considerazione, è possibile fare una prima distinzione sull’origine dell’ipertiroidismo:

  • Forma primaria: l’ipertiroidismo primario dipende esclusivamente da un disturbo a carico della tiroide
  • Forma secondaria: l’ipertiroidismo secondario è causato da una patologia a livello dell’ipofisi che iperproduce l’ormone tireostimolante o TSH

Il quadro clinico dell’ipertiroidismo è piuttosto vario e, oltre ai sintomi appena descritti, comprende numerosi disturbi, in gran parte legati all’aumentata attività metabolica. Quando il medico sospetta che ci sia qualche problema alla tiroide, esamina la regione anteriore del collo compiendo una visita accurata, alla ricerca di un aumento diffuso della ghiandola o di un nodulo e nel caso può prescrivere esami per misurare la funzionalità tiroidea.

Un esame del sangue consente di controllare il dosaggio degli ormoni tiroidei.. Valori inferiori del TSH indicano un’eccessiva attività della tiroide o un cattivo funzionamento dell’ipofisi, mentre livelli superiori ai parametri normali della tiroxina e della triiodotironina suggeriscono una diagnosi di ipertiroidismo.  Dunque se presenti tali sintomi rivolgiti al tuo medico così che ti indichi le giuste cure.

Impostazioni privacy