In pensione a 60 anni è possibile anche nel 2024: la formula che permette di ricevere l’assegno INPS in anticipo

È l’Assegno Straordinario di Solidarietà che consente di andare in pensione con fino a 7 anni di anticipo: ecco di cosa si tratta.

Ad integrazione dei precedenti chiarimenti pubblicati nel 2011 e 2015, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale italiano torna nell’anno corrente 2023 a fornire indicazioni ed istruzioni riguardo all’Assegno Straordinario di Solidarietà dedicato alle lavoratrici ed ai lavoratori incentivati al cosiddetto “esodo pensionistico”, ovvero al processo di agevolazione per l’ottenimento della pensione anticipata.

Assegno Straordinario di Solidarietà: a cosa serve, a chi è destinato e come richiederlo
L’Assegno Straordinario di Solidarietà è una prestazione economica garantita dai Fondi di Solidarietà Bilaterali – GalleriaBorghese.it

Di cosa si tratta? Ebbene, l’Assegno Straordinario di Solidarietà è una prestazione economica garantita – ovvero coperta ed erogata – dai Fondi di Solidarietà Bilaterali introdotti dal decreto legislativo numero 148 del 2015. La prestazione è destinata a lavoratrici e lavoratori di specifici settori che abbiano raggiunto i requisiti necessari per ottenere la pensione anticipata oppure la pensione di vecchiaia entro il quinquennio successivo al termine del rapporto di lavoro.

L’Assegno viene riconosciuto attraverso due accordi alternativi, il primo di tipo aziendale ed il secondo di tipo territoriale (ad esempio per la Regione Trentino Alto Adige), all’interno di un programma di riorganizzazione che coinvolge le imprese nazionali destinatarie di diversi Fondi di Solidarietà, come quello del Credito Ordinario, del Credito Cooperativo, dei Tributi Erariali, delle Ferrovie dello Stato e delle Poste Italiane.

Come presentare la domanda e a quanto ammonta l’importo dell’Assegno

L’INPS ha predisposto per ciascun settore professionale uno specifico modulo da compilare per avanzare la domanda di ottenimento dell’Assegno. Il modulo è scaricabile direttamente dal sito web dell’Istituto. Dev’essere sottoscritto congiuntamente dalla lavoratrice o dal lavoratore insieme al legale rappresentante dell’azienda presso cui sono impiegati. 

Assegno Straordinario di Solidarietà: vediamo a cosa serve, a chi è destinato e come richiederlo
L’Assegno è destinato a lavoratrici e lavoratori di specifici settori che abbiano raggiunto i requisiti necessari per ottenere la pensione anticipata o di vecchiaia – GalleriaBorghese.it

A seconda degli ambiti professionali, il sussidio può accompagnare i contribuenti al raggiungimento dei requisiti ordinari necessari per un massimo di 7 anni (ad esempio per la categoria dei bancari). O, nella maggior parte dei casi, fino ad un massimo di 5. L’Assegno viene quindi erogato direttamente dall’INPS, che attinge alle risorse messe a disposizione dal Fondo.

L’Assegno, inoltre, ha la caratteristica di non essere soggetto a rivalutazione e quindi di rimanere fisso nel tempo. Il suo importo è pari a quello che i lavoratori percepirebbero sulla base dei contributi necessari per maturare la prima pensione utile ed accreditati durante il periodo di fruizione del Fondo. Per maggiori delucidazioni ed approfondimenti, è consigliabile consultare il sito web istituzionale dell’INPS, anche recandosi fisicamente presso uno degli sportelli del territorio.

Impostazioni privacy