I genitori con più figli possono preferirne uno in particolare? Qualcosa di vero c’è

I genitori con più figli possono avere delle preferenze oppure no? Al di là di quanto si pensi, c’è qualcosa di vero.

Il favoritismo dei genitori è un tema delicato e spesso un tabù che può avere un impatto significativo su tutte le famiglie. Al di là di qualsiasi credenza popolare secondo cui le mamme e i papà non dovrebbero avere preferenze, ma dovrebbero amare tutti i loro figli nel modo uguale, una ricerca ha suggerito qualcosa di interessante.

Genitori e preferenze tra figli, la verità
I genitori hanno delle preferenze tra i figli? – galleriaborghese.it

Non è la prima volta che esce fuori il dibattito in cui i genitori con più figli hanno preferenze. Capita spesso di vedere una madre o un padre essere più accondiscendenti con uno rispetto all’altro. Le ragioni possono essere diverse e sporadiche, così come sono complesse e sfaccettate.

C’è chi i motivi li ritrova in base all’ordine di nascita, dove il primogenito è visto sempre con occhio di riguardo, e chi invece li cerca nella personalità o nelle aspettative dei genitori. In ogni caso, le preferenze sono state confermate da un’indagine pubblicata sul Journal of Family Psychology nel 2005 e realizzata dall’Università della California.

I genitori hanno preferenze tra i figli? Cosa dice lo studio

Lo studio pubblicato 18 anni fa è stato ripreso proprio in tempi recenti proprio per approfondire il tema. Il verdetto finale ha sancito che nel 65% delle famiglie ci sono preferenze tra i figli. La ricerca in questione ha esaminato i vari legami tra genitori e figli e di come i comportamenti dei primi abbiano un impatto sul benessere dei secondi.

Genitori e preferenze tra figli, la verità
Lo studio ha rivelato che i genitori fanno preferenze – galleriaborghese.it

Gli studiosi hanno puntato la ricerca sulla percezione di parzialità dei fratelli, sul trattamento differenziato dei genitori e sull’autostima dei figli. I risultati hanno evidenziato una stretta correlazione di questi tre elementi. Oltre al fatto che lo stato di nascita era associato all’autostima e alla percezione del trattamento differenziato dei genitori.

In pratica, il primo figlio è il prediletto dei genitori, mentre quelli successivi devono faticare un po’ di più per conquistare le stesse attenzioni. Lo studio ha analizzato a lungo questa situazione, sottolineando come sono proprio i bambini a percepire le discrepanze di trattamento.

Una situazione che crea malessere trai figli, soprattutto quando sono più piccoli, come hanno spiegato gli psicologi. Proprio gli esperti hanno definito il nome del disagio chiamandolo “Trattamento preferenziale dei genitori”, il Parental Differential Treatment (PDT).

Impostazioni privacy