I denti si lavano dopo i pasti? Il dentifricio va risciacquato? Tutti sbagliano a rispondere e si distruggono i denti

In tantissimi commettono degli errori molto comuni nel lavare i denti. Se non vuoi danneggiarli devi conoscere le regole di una buona igiene orale!

Quando si tratta di igiene orale bisogna fare molta attenzione perché i nostri denti vanno curati nel migliore dei modi al fine di non incorrere in seri problemi. Il mal di denti può essere molto fastidioso e si può finire addirittura col perderli se non ce ne prendiamo cura come si deve. Questo sarebbe un grosso problema in quanto i denti sono fondamentali per il nostro nutrimento, dato che costituiscono il mezzo attraverso il quale maciniamo il cibo prima di ingerirlo.

errori quando ci si lava i denti
È importante prendersi cura dei propri denti e non commettere errori – galleriaborghese.it

Tutto il processo di digestione può essere compromesso se non si mastica bene il cibo. Per preservare la salute dei nostri denti, a parte fare delle visite regolari dal dentista, è necessario evitare anche alcuni degli errori più comuni che la maggior parte delle persone commette.

Ad esempio ti sei mai chiesto se è giusto inumidire lo spazzolino prima di usarlo? Oppure bagnare spazzolino e dentifricio sotto l’acqua corrente? Quante volte risciacquare la bocca durante il lavaggio? E quante cambiare lo spazzolino durante l’anno? È giusto usare il bicarbonato per sbiancare i denti? Scopriamolo assieme.

Le regole per un’ottima igiene orale

Prima di tutto, bisogna avere l’occorrente necessario per una buona igiene orale. Ti basteranno lo spazzolino, il filo interdentale o lo scovolino, un collutorio e un gel per le gengive. Inoltre bisogna lavarsi i denti almeno due volte al giorno: al mattino dopo la colazione e la sera, prima di andare a letto. Se ti è possibile è ideale lavarli anche dopo pranzo.

le regole per una buona igiene orale
Uno degli errori più comuni è inumidire spazzolino e dentifricio – galleriaborghese.it

Ricorda però che bisognerebbe aspettare almeno mezzora dopo i pasti poiché in questo modo diamo il tempo alla saliva di depositarsi sui denti e svolgere la sua funzione naturale di antibatterico, dopodiché possiamo lavare i denti. Se stai pensando a cosa sia meglio tra lo spazzolino normale e quello elettrico, la risposta è scontata: quello elettrico, che è più efficace con il minimo sforzo.

Ricorda che le setole dello spazzolino devono essere morbide poiché in questo modo possono massaggiare la gengiva e pulire più a fondo. Parlando di spazzolini: ogni quanto va cambiato? Quello manuale dopo 3 o 4 mesi, mentre le testine dello spazzolino elettrico vanno cambiate ogni due mesi. Un altro errore quando si spazzola è quello di esercitare pressione sui denti e sulle gengive. Questo può causare sanguinamento per cui deve essere leggera.

Bisogna inoltre sfatare un mito: inumidire lo spazzolino con il dentifricio sotto l’acqua corrente è un errore. Il dentifricio si attiva con la saliva, non con l’acqua. Inoltre non bisogna fare il risciacquo, dobbiamo solo sputare il dentifricio. Cosa importante prima di lavarsi i denti è passare il filo interdentale, almeno una volta al giorno.

E infine, rimanendo sempre in tema dentifricio, possiamo dire che bisogna fare attenzione a quelli che promettono effetti sbiancanti. Questi possono consumare lo smalto dei denti. E stiamo attenti anche al bicarbonato alimentare per sbiancarli: è altamente abrasivo e peggiora lo smalto dei denti. Inoltre non dimenticate di fare visite regolari dal vostro dentista per controllare il loro stato di salute.

Impostazioni privacy