I 5 favori da non chiedere mai al tuo vicino di casa: passerai per maleducato

Si può essere in buoni o cattivi rapporti con il proprio vicino di casa. Ma ci sono dei limiti che non andrebbero mai valicati: ecco cinque favori da non chiedere.

I rapporti di vicinato sono sempre qualcosa di molto difficile da definire. Ci sono alcuni casi in cui si riesce a creare confidenza, empatia, persino amicizia. Ma ci sono altre volte in cui sono tesi o, comunque, rimangono formali, anche se nell’alveo della cordialità. Facciamo molta attenzione a non trascendere: per esempio, ci sono almeno cinque cose che non dovremmo mai chiedere ai nostri vicini di casa se non vogliamo passare per maleducati.

5 domande da non fare mai al vicino di casa
Se non vuoi passare per maleducato, non chiedere mai uno di questi 5 favori al suo vicino di casa – galleriaborghese.it

L’uomo è un animale sociale perché è normale, oltre che educato, essere amichevoli, fare due chiacchiere di tanto in tanto. Bisogna però stare attenti a non oltrepassare certi limiti. Ci sono favori che possono essere chiesti senza alcun problema, ma ci sono altre cose che dobbiamo assolutamente evitare. Per capirlo, comunque, basta rovesciare la situazione. Dato che non tutti abbiamo i vicini di casa che vorremmo, ci farebbe piacere se ci domandassero una di queste cinque cose? Probabilmente no.

5 favori da non chiedere mai al tuo vicino di casa

La prima cosa da non chiedere mai è il permesso di usare la loro proprietà. Si può essere in ottimi rapporti, è vero, ma ci sono dei confini che non andrebbero mai oltrepassati. Ovviamente ci riferiamo a piscina, servizi, al parcheggio, ma anche al bagno. A meno che non sia il vicino stesso a offrire l’opportunità: accettate dopo qualche insistenza.

5 favori da non chiedere al vicino di casa
Non fare mai queste richieste al suo vicino di casa – galleriaborghese.it

In generale, sconsigliamo vivamente di chiedere aiuti per compiti importanti. Qualche esempio: spostare mobili o prendersi cura del prato. Sono cose che dobbiamo fare da soli o tramite personale specializzato. C’è un’altra cosa che non andrebbe mai fatta e riguarda gli animali domestici. Il cane è migliore amico dell’uomo e se scegliamo di averne uno, dobbiamo essere pronti a tutto: non pensiate, per esempio, di chiedere al vicino di raccogliere gli escrementi del nostro amico a quattro zampe.

Andrebbero rimossi sempre, soprattutto se vengono fatti nei pressi di aree comuni. Collegato a questo tema c’è proprio il fatto di custodire il nostro animale domestico. Che sia un cane, un gatto, una tartaruga o un pesce rosso, può capitare di assentarci per un po’ di tempo: ma non dev’essere il nostro vicino a badare al nostro ospite in casa.

Per concludere, il consiglio generale è di non coinvolgere il vicino in questioni personali. A meno che non si sia creato un rapporto di reale amicizia, i rapporti dovrebbero sempre rimanere nell’alveo della cordialità. Per cui, evitiamo di affrontare questioni legali, fornire consigli personali o mediare discussioni tra membri della famiglia. Si tratta di un comportamento invadente che non dovrebbe essere tollerato.

Impostazioni privacy