Hai mai provato a camminare all’indietro? Non puoi immaginare i benefici per il tuo corpo e la mente

Camminare è uno degli esercizi fisici più efficaci, ma farlo all’indietro può rivelarsi un vero toccasana per mente e corpo. 

Nella concezione di uno stile di vita sano ed equilibrato, camminare è uno degli esercizi che non possono mancare all’interno della routine giornaliera. Tra tutte le attività sportive, la camminata è sicuramente tra le più immediate, adatta a tutti senza distinzione di età o stato fisico. Camminare con regolarità previene la comparsa di svariate patologie molto pericolose e aiuta a mantenere il corpo in salute a lungo termine.

Camminare all'indietro i benefici per il corpo
Camminare all’indietro: i benefici per corpo e mente – Galleriaborghese.it

Inoltre, camminare risulta particolarmente utile per mantenere uno stato ottimale di benessere della sfera psichica e un tono alto dell’umore. Le endorfine prodotte durante una passeggiata o una camminata a passo svelto, possono regolarizzare il livello di ormoni all’interno dell’organismo e restituire uno stato di benessere e serenità nelle ore successive e per tutto l’arco della giornata.

L’atto del camminare è un movimento naturale, ma estremamente complesso per il corpo. Camminare coinvolge il respiro, la circolazione sanguigna, la locomozione e mette in moto non solo le gambe, ma anche braccia, spalle e colonna vertebrale. Concedersi lunghe camminate più volte a settimane, infatti, permette di bruciare molte calorie, favorendo il dimagrimento complessivo del corpo.

Camminare all’indietro e i suoi benefici

Nonostante possa essere considerata un’attività insolita, camminare all’indietro può regalare una moltitudine di benefici per l’organismo. Considerato un passatempo eccentrico nel 19° secolo, in seguito alle ricerche scientifiche condotte, quest’attività sta guadagnando molta popolarità negli ultimi anni. Camminare all'indietro i benefici per il corpo

Camminare all’indietro: tutti i benefici per l’organismo – Galleriaborghese.itCamminare all’indietro coinvolge molti più muscoli rispetto alla camminata tradizionale, rafforzando la muscolatura della schiena, migliorando la flessibilità del tendine del ginocchio e aumentando l’equilibrio e la stabilità complessiva. Si tratta di un’attività particolarmente indicata per chi soffre di mal di schiena e artrite o per chi sta osservando un periodo di riabilitazione in seguito ad un infortunio e necessita un veloce recupero della forza fisica nelle articolazioni.

Camminare all’indietro, inoltre, migliora notevolmente la memoria, poiché aziona l’attività della corteccia prefrontale del cervello, coinvolta nelle funzioni cognitive superiori. Tuttavia, a differenza della camminata tradizionale, camminare all’indietro implica l’utilizzo di una superficie libera da ostacoli, onde evitare cadute improvvise e conseguenze negative sulle articolazioni. Durante una sessione di attività fisica, è possibile alternare la camminata tradizionale ad alcuni minuti di camminata all’indietro, in modo tale da intensificare i benefici di entrambi i movimenti fisici.

Impostazioni privacy