Gerry Scotti, dopo mesi dalla morte di Silvio Berlusconi lo spiazzante retroscena

Gerry Scotti lo ammette solo adesso dopo diversi mesi dalla morte di Silvio Berlusconi: il retroscena che nessuno si sarebbe mai immaginato.

Non ha certamente bisogno di presentazioni Gerry Scotti, il conduttore italiano che ormai da molti anni è un vero punto di riferimento della televisione italiana e in particolare di Canale Cinque. Eppure il motivo che lo porta al centro dell’attenzione non legato a uno dei suoi programmi.

Gerry Scotti, quel retroscena su Silvio Berlusconi
Gerry Scotti, il retroscena su Berlusconi. Foto Ansa -galleriaborghese.it

Infatti il conduttore così come tutti i membri di Mediaset si sono mostrati molti dispiaciuti per la morte di Silvio Berlusconi, un duro colpo che ha lasciato senza parole, senza tenere conto del fatto che l’azienda ha perso un punto di riferimento importante, nonostante la presenza dei figli.

“Perdiamo una grande persona che in diversi titoli ha riempito le cronache ma oggi le cronache si buttano via perché lui merita solo la storia. Tutto quello che ho, le cose più belle della mia vita e le soddisfazioni che ho avuto, le devo a lui” ha ammesso, ma non è finita qua.

Gerry Scotti, quel retroscena mai svelato su Silvio Berlusconi

Insomma un momento di grande dolore anche per Gerry Scotti che oltre ad essere un volto noto di Mediaset, ha avuto modo negli anni di incontrare molto spesso Silvio Berlusconi, che ha sempre riposto massima fiducia professionale in lui, sotto ogni punto di vista.

Gerry Scotti, il retroscena su Berlusconi mai svelato
Gerry Scotti e il retroscena su Berlusconi. Foto Ansa -galleriaborghese.it

Ebbene proprio in occasione della sua morte, il conduttore ha fatto un salto all’indietro nel tempo, rivelando un retroscena che forse fino a questo momento nessuno sapeva e che ha molto incuriosito le persone che lo hanno ascoltato.

Con Cecchetto stavo andando a registrare Dj television e lui ci ha apostrofato così: ah questo sarebbe Gerry Scotti? Assomiglia al ragioniere che ho in Brianza. Però ha portato fortuna a tutti e due. Io lo sto ancora cercando quel ragioniere, magari è il mio sosia perfetto” ha rivelato il presentatore che con le sue parole non solo ha ricordato un momento importante della sua vita, ma ha anche portato alla luce la vena comica del Presidente di Forza Italia, quella vena che non gli è mai mancata, in nessun momento della sua vita.

Una cosa però è certa, quella somiglianza ha portato fortuna a Gerry Scotti. Chissà se in caso contrario avrebbe allo stesso modo potuto ottenere il suo grande successo in Mediaset? Il dubbio rimane ancora oggi, quel che è certo è che Gerry resta amatissimo anche dalle nuove generazioni.

Impostazioni privacy