Fare l’ISEE entro giugno per ricevere l’assegno unico: si fa prima a farlo da soli, è facilissimo

Per l’assegno unico e altri bonus è fondamentale rifare l’ISEE entro giugno: ecco come procedere in autonomia.

L’ISEE, o Indicatore della Situazione Economica Equivalente, è lo strumento usato nel nostro Paese per valutare il livello economico di un nucleo familiare e serve per determinare l’accesso a sussidi e ad agevolazioni statali. Al fine dell’assegno unico, l’ISEE va di norma presentato entro fine febbraio, ma per i ritardatari la seconda scadenza è quella del 30 giugno (con possibilità di ottenere l’assegno pieno e gli arretrati).

ISEE in autonomia: come fare
Presentare in autonomia l’ISEE entro giugno – galleriaborghese.it

Per non perdere l’aiuto (e non perdere tutte le altre agevolazioni connesse al reddito) non bisogna per forza pagare un commercialista o interfacciarsi con un CAF. Nulla vieta che si possa presentare in autonomia la DSU (dichiarazione sostitutiva unica) per l’ISEE 2024 anche a giugno. Bisogna sostanzialmente permettere a INPS e Agenzia delle Entrate di fare un calcolo, raccogliendo tutti i documenti necessari.

ISEE in autonomia a giugno: come fare da soli

I primi documenti da recuperare sono quelli che attestano la situazione anagrafica, economica e patrimoniale di ogni componente del nucleo familiare. Per ottenere l’attestazione ISEE, il primo passo è dunque compilare la DSU, che è disponibile anche in versione precompilata sul sito dell’INPS. Occorrono i dati anagrafici di tutti i membri della famiglia. Quindi nome, cognome, codice fiscale, indirizzo di residenza, copie di documenti di identità. Ci vogliono poi le dichiarazioni dei redditi di ogni componente (modello 730 o CU).

Attenzione: i dati sui redditi per l’ISEE 2024 devono essere quelli relativi al patrimonio posseduto a fine 2022, presentati attraverso copia del Modello Redditi o del Modello 730 con la CU in copia. Poi bisogna allegare: una copia della certificazione per redditi esenti e un’altra dei cedolini paga per i lavoratori del pubblico impiego.

Come avere l'attestazione ISEE senza CAF
ISEE 2024 per assegno unico: c’è tempo fino a fine mese – galleriaborghese.it

Poi è necessario inserire un estratto conto bancario con la giacenza media. Infine ci vogliono informazioni sugli immobili posseduti ed eventuali mutui o assicurazioni sulla vita, dati su auto, moto o altri mezzi in possesso. Riguardo alle informazioni sul patrimonio immobiliare e mobiliare posseduto il limite è sempre quello del 31 dicembre 2022. Occorrono i dati catastali e sul valore imponibile IMU degli immobili in possesso, i documenti sul mutuo o la copia del piano di ammortamento.

E poi? Poi bisogna accedere al sito dell’INPS tramite l’area personale MyINPS utilizzando le proprie credenziali SPID, Carta d’Identità Elettronica o CNS. Quindi si tratta di compilare la DSU, nella sezione “ISEE precompilato”. A questo punto si deve attendere la verifica. Dopo aver inviato la DSU, l’INPS e l’Agenzia delle Entrate verificheranno infatti i dati. Una volta completata la verifica, si può scaricare l’attestazione ISEE dal profilo.

Impostazioni privacy