Facebook e Instagram rivoluzione. A brevissimo saranno in abbonamento e dovrai pagare per usarli

Il mondo dei social sta per cambiare inesorabilmente volto: Mark Zuckeberg intende monetizzare Facebook ed Instagram, e questa volta per davvero.

Sono in arrivo importanti novità per i fruitori dei due colossi social per eccellenza: Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook e amministratore delegato di Meta, sposa la filosofia del miliardario Elon Musk ed intende rinnovare la versione offerta agli utenti delle due piattaforme online implementando diverse novità fruibili dietro il pagamento di una somma mensile.

Facebook ed Instagram a pagamento a brevissimo
Arrivano gli abbonamenti per utilizzare Facebook ed Instagram: tutto quello che c’è da sapere – galleriaborghese.it

Sebbene abbia manifestato la chiara volontà, sin dalla sua istituzione, di offrire una versione base di Facebook sempre gratuita, Zuckerberg intuisce bene la possibilità di monetizzare direttamente dagli utenti, e non soltanto dai ricavi pubblicitari. Dopo aver introdotto l’acquisto della spunta blu dietro pagamento di un abbonamento mensile, infatti, Meta si dice infatti pronta ad inserire un nuovo abbonamento a pagamento entro i confini europei. Ecco di cosa si tratta e quanto costerà.

Il mondo social si rinnova: cosa c’è da sapere in merito alle ultime novità introdotte da Facebook ed Instagram

Arrivano le versioni premium targate Instagram e Facebook. Queste presenterebbero indiscutibili vantaggi per i fruitori dell’UE che avranno infatti la possibilità di usare le due piattaforme senza pubblicità dietro pagamento di un corrispettivo. Invero le prime indiscrezioni circa l’ipotesi di un abbonamento ai social erano già circolate qualche settimana fa sul New York Times, ma ad oggi il Wall Street Journal ufficializza la notizia e prospetta la strategia sfornata dall’azienda.

A brevissimo le versioni premium di Facebook ed Instagram
Facebook ed Instagram: quanto costeranno le versioni premium – galleriaborghese.it

La testata annuncia che Meta vuole proporre l’introduzione di un abbonamento che consentirà agli utenti di accedere alle due piattaforme senza annunci personalizzati, rivelandone le cifre. Secondo il piano, Meta addebiterebbe circa 10 euro al mese su un account Facebook o Instagram da desktop per ogni account, in virtù delle commissioni che Apple e Google addebitano per i pagamenti in-app. Cui si sommano 6 euro per ogni account aggiuntivo collegato.

Mentre per gli utenti che desiderano utilizzare le piattaforme su smartphone, la tariffa mensile per le versioni prive di pubblicità salirebbe a circa 13 euro. Si tratterebbe di un’opzione ideata per chi vorrebbe usare il social senza promozioni, ma anche di un modo per superare le nuove norme europee a protezione della privacy che sarebbero in contrasto con le policy di Meta.

L’azienda è chiamata infatti ad uniformarsi agli obblighi di trasparenza e adottare una base giuridica corretta per il trattamento dei dati personali degli utenti a fini pubblicitari e per continua a valutare opzioni che garantiscano la conformità ai requisiti regolatori in continua evoluzione.

Impostazioni privacy