Fabio Fazio richiede contributi pubblici per i suoi problemi economici: il conduttore è nei guai

Fabio Fazio in difficoltà finanziarie: il conduttore televisivo chiede aiuto con contributi pubblici.

Fabio Fazio ha ceduto al richiamo irresistibile del cioccolato, acquisendo la rinomata azienda Lavoratti, custode di una tradizione dolciaria che risale al lontano 1938. Sulla splendida riviera ligure di Ponente, a Varazze, si è consumato questo matrimonio tra il conduttore di successo e il prelibato mondo del cacao.

Fabio Fazio e la battaglia economica
Fabio Fazio: la corsa ai contributi pubblici per sopravvivere – Galleriaborghese.it

Il 5% dell’incantevole società dietro il marchio, chiamata poeticamente Dolcezze di Riviera srl, è ora nelle mani di Fazio, mentre la sua affascinante moglie Gioia Salis ne firma il 45%. Un’altra quota significativa è saldamente nelle abili mani di Davide Petrini, il quale riveste la carica di amministratore delegato.

A capo di tutto ciò, Fazio assume il ruolo di presidente, dando un tocco personale alla gestione di questa iconica azienda. Il 2022, per Dolcezze di Riviera, è stato un anno di esplorazioni gustative e sperimentazioni. La nota integrativa rivela che l’anno è stato principalmente dedicato alla ricerca e sviluppo di nuovi prodotti, tutti basati sul pregiato “cioccolato di San Josè”, amato da rinomati pasticceri e chef stellati.

Il ricorso ai contributi pubblici

Non tutto, però, è dolce come il cioccolato che producono. Nonostante l’uscita trionfante dalla pandemia, i ricavi sono schizzati da 76mila euro a 776mila euro. Tuttavia, l’ultima riga del bilancio è segnata da una perdita, seppur ridotta da 231mila euro a 108mila euro. Un dettaglio che non sfugge ai più attenti.

fabio fazio contributi pubblici
Fabio Fazio naviga tra difficoltà finanziarie (credit Ansa) – Galleriaborghese.it

La sfida principale? I costi di produzione, che sono balzati in modo sorprendente da 302mila euro a 876mila euro. Ma Fazio, con la grinta che lo contraddistingue, ha affrontato la situazione. I contributi statali sono il baluardo contro il mare impetuoso delle perdite finanziarie, con gli azionisti che hanno contribuito con 890mila euro nel corso del 2022, portando il debito verso i soci un considerevole 1,3 milioni di euro.

C’è da sottolineare che il cioccolato di Fazio ha anche goduto di un dolce aiuto dallo Stato, con contributi pubblici che si sono materializzati sotto forma di un succulento credito d’imposta Industria 4.0, per un importo complessivo di 280mila euro. Una cifra tutt’altro che irrisoria.

Insomma, il viaggio nel mondo del cioccolato di Fabio Fazio è un’avventura appassionante, fatta di sapori intensi, sfide finanziarie e il costante desiderio di creare qualcosa di straordinario. Chi l’avrebbe mai detto che dietro i riflettori si celasse un cioccolatiere visionario?

Impostazioni privacy