Era diventato famoso come il cane più triste del mondo: ecco che fine ha fatto oggi

Come dimenticare lo sguardo malinconico di Sam. Il “cane più triste del mondo” ha commosso il web con la sua storia: ora dov’è finito?

Sam e i suoi occhi languidi sono rimasti impressi nella memoria di migliaia di persone. Il suo musetto ha invaso Internet con quell’espressione tanto malinconica da fargli ottenere l’attestato di “cane più triste al mondo”. Dopo otto anni passati in un rifugio nell’est Europa anche la sua storia sembra essersi finalmente conclusa.
cane più triste del mondo storia
Che fine ha fatto il “cane più triste del mondo”? Foto: Facebook di Pawprints to Freedom) – galleriaborghese.it

Arriva nel 2015 nella cittadina di Adjud in Romania, è solamente un cucciolo. L’adozione non arriva mai, gli anni passano e le speranze diminuiscono sempre più.  Le foto di Sam hanno subito colpito al cuore, prima quello dell’associazione che lo ha preso in custodia poi quello di migliaia di utenti sul web. È stato anche grazie alle immagini che sono circolate in rete che è stato possibile ribaltare la sua situazione.

Il “cane più triste del mondo” è riuscito a trovare una nuova casa?

Pawprints to Freedom nasce nel 2017, Sam entra nel centro di recupero romeno solo due anni prima, nel 2015. La sua vicenda arriva alle orecchie dell’associazione solamente poco tempo fa: “Eravamo addolorati per Sam, non riuscivamo a credere che avesse passato così tanto tempo in canile”, ha spiegato la fondatrice Rebecca Smyth. Prima la condivisione di massa delle sue foto, poi una campagna ad hoc per donargli una nuova vita.

cane più triste del mondo oggi
Sam, il “cane più triste del mondo” trova casa – Galleriaborghese.it (dalla pagina Facebook di Pawprints to Freedom) – galleriaborghese.it

A bordo dell’Happy Bus, dopo una serie di procedure burocratiche per siglarne l’affido, Sam è arrivato nella sua nuova casa. E’ stato consegnato a una famiglia scozzese che lo ha accolto a braccia aperte.

La foto e la storia del cane hanno fatto la differenza, oltre alla sua descrizione” ha ammesso Sally la nuova proprietaria ai microfoni del Daily Record. “Non riuscivo a smettere di pensarci, continuavo a piangere per lui. Lo vedevo così triste!”. Ad accoglierlo c’erano anche John e Clay, rispettivamente compagno e figlio della signora, oltre ad altri due amici pelosi, anch’essi adottati: il cane Boycie e il gatto Flash. “Ora è felice e rilassato e si vede! Scodinzola di continuo”, ha aggiunto.

La soddisfazione di Pawprints to Freedom è incalcolabile, Rebecca Smyth ha voluto ringraziare personalmente tutte le persone che hanno seguito la faccenda, condividendo la storia di Sam fino a raggiungere l’obiettivo: trovare una famiglia che potesse amarlo. Le poche parole postate sulla pagina Facebook parlano chiaro: “Sam è al settimo cielo nella sua nuova casa, non dovrà più preoccuparsi del prossimo pasto o dei cani che vengono scelti al posto suo”.

Impostazioni privacy