Dislessia nei bambini: come riconoscerla, i segnali a cui i genitori devono fare attenzione

Se tuo figlio presenta delle difficoltà nella lettura o nella scrittura, non sottovalutarle: potrebbe trattarsi di un problema di dislessia.

Molto spesso si tendono a ignorare alcuni segnali che indicano la presenza di alcune problematiche relative all’apprendimento e, di conseguenza, non si è in grado di dare il giusto supporto ai propri figli.

Come riconoscere la dislessia
In che modo riconoscere la dislessia nei bambini – galleriaborghese.it

Questi problemi prendono il nome di DSA, ossia Disturbi Specifici Dell’Apprendimento, e tra di essi rientrano la dislessia, la disortografia, la disgrafia e la discalculia. Questi disturbi hanno origine neuro-biologica e vanno a influire negativamente sulle capacità di scrittura, di lettura e di calcolo delle persone che ne soffrono.

Si stima che tra il 5 e il 17 % degli italiani soffra di dislessia. In genere i primi sintomi si manifestano quando si inizia ad andare a scuola e per questo motivo è importante riconoscere i segnali grazie ai quali si può capire se il proprio bambino è dislessico.

Ecco i segnali che indicano la dislessia nei bambini

Prima di parlare dei sintomi, bisogna specificare che un bambino o un individuo, più in generale, che soffre di dislessia non è meno intelligente rispetto alle altre persone. Per molti genitori avere il dubbio che il proprio figlio possa essere dislessico fa venire ansia, ma bisogna saper gestire la situazione al meglio in modo tale da non farlo sentire in colpa per tale problematica.

Riconoscere la dislessia
Chi soffre di dislessia fatica a leggere le lettere nel giusto ordine – galleriaborghese.it

Il primo passo da compiere è quello di fare una valutazione diagnostica e, nel caso in cui l’esito fosse positivo, bisogna adeguarsi alle difficoltà presenti in modo tale da far sì che il disturbo possa avere uno sviluppo in positivo, senza andare a minare troppo l’autostima del bambino.

Per quanto riguarda i segnali che possono indicare la presenza di un problema come la dislessia, vi sono dei comportamenti e delle differenze percettive che possono variare da persona a persona. Tra i sintomi più comuni, si trovano:

  • Il fatto di invertire le lettere e i numeri, oppure di sostituire delle lettere con altre molto simili;
  • Una certa lentezza rispetto ai coetanei nell’imparare le tabelline, le lettere dell’alfabeto oppure i mesi dell’anno;
  • Una difficoltà nell’esprimere a voce quello che si pensa e a volte vi sono anche complicazioni in certe abilità motorie, come per esempio allacciarsi scarpe;
  • Una confusione nei rapporti di spazio e di tempo, per cui si confondono la destra e la sinistra e gli avvenimenti accaduti oggi o nel passato;
  • Una difficoltà nell’eseguire i compiti che sono stati assegnati e nel fare dei riassunti di testi o discorsi.
Impostazioni privacy