Denise Pipitone, il nuovo allarme: “Serve intervenire immediatamente”

Il caso Denise Pipitone torna ad essere protagonista a distanza di anni. La parola al legale della mamma Piera Maggio che ha sempre combattuto.

Da anni tiene banco il caso della piccola Denise che è venuta a mancare nel lontano primo settembre 2004. Ora è tornato a parlare anche l’avvocato della mamma Piera che ha sempre invocato di ritrovarla. Tante le manifestazioni e i suoi interventi televisivi, ma ora qualcosa è tornato ad essere predominante.

Denise Pipitone arriva il nuovo allarme per il caso
Denise Pipitone arriva il nuovo allarme per il caso, ecco quello che sta succedendo – Instagram Giacomo Frazzitta- galleriaborghese.it

Non c’è stata ancora nessuna traccia da quel lontano primo settembre 2024. Sono passati ormai tanti anni, ma non c’è mai stato nessun indizio ufficiale. All’epoca la piccola Denise Pipitone aveva quasi 4 anni e non si è fatta più viva dopo essere stata rapita da Mazara del Vallo, in provincia di Trapani.

Erano circa le 12 quando la bimba era intenta a giocare con il suo cuginetto per l’ultima volta nei pressi della casa della nonna materna. La piccola stava rincorrendo il suo coetaneo quando è stata avvistata per l’ultima volta da una zia seduta sul marciapiede: la mamma Piera Maggio ha sempre lottato per rintracciarla, ma non ci è mai riuscita finora.

Denise Pipitone, caso riaperto: cosa succede oggi?

Ormai sono passati tantissimi anni, ma la speranza è sempre accesa per mamma Piera. Si è sempre battuta per conoscere la verità senza mai demordere: ecco quello che sta succedendo negli ultimi giorni con le dichiarazioni dell’avvocato.

Denise Pipitone caso riaperto bisogna fare presto
Denise Pipitone caso riaperto bisogna fare presto – Ansa – galleriaborghese.it

L’avvocato di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta, è tornato a parlare ai microfoni de La Presse sul caso di Denise Pipitone. Dal primo settembre 2004 la vita della mamma è stata sconvolto dopo il rapimento della piccola. Ora è scattato un nuovo allarme per quanto riguarda il problema dei minori scomparsi: secondo il legale bisognerebbe intervenire subito con le task force che in Italia non esistono. Inoltre, l’avvocato Frazzitta ha parlato di psicologi e criminologi pronti ad andare subito in scena ricordando anche il caso della piccola Kata scomparsa da Firenze il 10 giugno 2023.

Negli ultimi giorni c’è stato un ‘fatto angosciante’, come rivelato dallo stesso avvocato: il murales di Denise è stato vandalizzato. Un episodio davvero terribile per quanto riguarda la piccola con il caso che continua ad andare avanti senza sosta ormai da una vita. Una notizia difficile da digerire che ha mosso ancora una volta le coscienze.

Impostazioni privacy