Cozze come capire al volo se sono buone ed evitare fregature

Le cozze sono sicuramente uno dei piatti più gettonati dell’estate. Buone e facili da cucinare, ma ecco come sapere se sono buone.

Come fare per sapere se le cozze sono buone ed evitare fregature? Ecco il metodo che vi permetterà di fare acquisti sicuri e preparare ricette deliziose. Solo chi lo mette in pratica può essere sicuro della qualità di quello che mangia!

Cozze come capire al volo se sono buone
Cozze come capire al volo se sono buone ed evitare fregature-Galleriaborgese.it

Le cozze sono tra i cibi più gettonati per le ricette estive, ma è complicato riconoscere la qualità e comprarne di buone. Ecco una piccola guida per capire come fare per avere delle buone cozze e cucinare piatti e ricette succulente con uno dei frutti di mare più gustosi.

Come riconoscere le cozze buone per evitare fregature e preparare ricette gustose

Spaghetti allo scoglio, a zuppa o impepata, le cozze si prestano bene per qualsiasi ricetta. Per un primo piatto, una zuppa o uno sfizioso antipasto, povere di calorie, sono una risorsa fondamentale per le nostre tavole. Ma ecco come fare per evitare fregature, comprare cozze di qualità e pulirle bene prima di mangiarle. I molluschi sono parte della dieta mediterranea e se ne trovano in abbondanza soprattutto nel Mar Adriatico, ma in tutta la penisola troviamo questo tipo di frutto di mare come piatto cardine del menù. Vivono attaccate agli stoglie e per questo sono intrecciate a fibre che le rendono “pelose”, per questo vanno ben pulite prima di essere consumate.

Cozze come capire al volo se sono buone
Il metodo per scoprire se sono buone-Galleriaborgese.it

Le cozze vengono allevate in mare aperto e generalmente sono raccolte tra maggio e agosto. Prima di essere messe in commercio vengono separate e selezionate per poi essere pulite. Ogni tipologia ha un tipo di aspetto e un sapore diverso. La maggior parte di esse proviene dal mar Adriatico, ma sono diffuse in tutta Italia. Ce ne sono anche di diverso tipo e denominazione in base alla regione nella quale vengono coltivate. In generale le cuciniamo con aglio, prezzemolo e peperoncino come primo piatto, ma possono essere consumate anche come zuppa e impepata.  Dalla tradizione culinaria italiana emergono tantissime ricette sfiziose: c’è chi le fa con il riso, chi le frigge o le abbina al cous cous.

Per essere sicuri circa la qualità della cozza innanzitutto dobbiamo consumarla nei mesi estivi, quando sono ricche di sapore. Importante inoltre controllare il colore: deve essere lucido e brillante. Devono essere chiuse e l’odore delicato e gradevole. Al momento del consumo devono essere vive. Se c’è un’etichetta è ancora meglio in quanto sono indicate la denominazione, la specie, la provenienza e la data di confezionamento. Dopo l’acquisto le cozze devono essere sciacquate con acqua corrente fredda, raschiando con il coltellino le impurità della superfici e togliendo la “barba”. Dopo bisogna risciacquarle e infine cucinarle. Insomma devono essere trattate con estrema cura per garantire piatti buoni!

Impostazioni privacy