Costretti a mentire e imbrogliare ogni cliente: ex dipendenti di una grossa catena rivelano tutto

Alcuni ex dipendenti delle vendite wireless hanno ammesso di aver mentito ai clienti nel miglior modo possibile perché costretti dai manager.

Un enorme thread su Reddit contiene post di ex dipendenti che hanno lavorato per fornitori wireless e i loro rivenditori autorizzati. Alcuni di loro ammettono di aver mentito ai clienti per convincerli ad aggiungere una nuova linea quando non era necessario usufruire di una tariffa speciale sul telefono.

Gli imbrogli verso i clienti: ecco cosa hanno rivelato degli ex dipendenti
Ex dipendenti di una catena rivelano diversi imbrogli (gallerianews.it)

Questa pratica si chiama Cramming e di solito viene eseguita per migliorare i parametri di un venditore o di un negozio, e presumibilmente viene spesso eseguita per volere del direttore del negozio. Un dipendente di un rivenditore autorizzato ha svelato diversi retroscena. Di seguito, ecco cosa ha rivelato.

Clienti ingannati da ex dipendenti: ecco cosa erano costretti a fare

Un dipendente di un rivenditore autorizzato AT&T ha rivelato pesanti indiscrezioni sulla catena. “Dipendente di vendita al dettaglio autorizzato ATT qui. Lavoro con l’azienda da oltre un anno e posso dire con tutto il cuore che ATT è nel business delle truffe! Il mio manager ci promuove attivamente mentire ai clienti riguardo alla necessità di aggiungere una riga “promo necessaria” per “aggiornare l’account” e “attivare le nuove promozioni” affinché i clienti possano ottenere i loro crediti di scambio per qualsiasi permuta. Ovviamente è una tattica ingannevole ma è considerata frode?”

ecco cosa hanno rivelato degli ex dipendenti su una nota catena
Alcuni professionisti di AT&AT ammettono di mentire ai clienti (gallerianews.it) -ansa.it

Il post continua affermando che i dipendenti sono costretti a fare queste affermazioni non veritiere. Ovviamente questo è per aumentare le commissioni. L’uomo si chiede se ha una base con cui procedere per un’azione legale. “Non mi sento sicuro al lavoro perché molti clienti ritornano e vogliono litigare con noi nel nostro negozio!! Tutto a causa del mio manager. Mi servirebbe aiuto qui perché non voglio perdere il lavoro ma non voglio lavorare in un ambiente non sicuro, inoltre mi rifiuto di trasferirmi.”

Altri utenti hanno rapidamente trasmesso le loro storie. “Ho lavorato per un rivenditore autorizzato quasi 8 anni fa e ci hanno fatto fare questo per avere i nostri numeri altrimenti saremmo stati licenziati. Me ne sono andato anch’io.”

In questi post sono stati menzionati altri atti illegali, inclusa la pratica dello scambio di SIM. Di solito per questa truffa è necessario che qualcuno all’interno sia in grado di ordinare una nuova carta SIM per un abbonato esistente e di farsela spedire all’indirizzo del criminale. Quando il truffatore inserisce la SIM nel telefono, richiede nuove password per le app finanziarie e poiché ha la “nuova SIM” del cliente nel telefono, riceve i codici necessari per verificare l’identità permettendogli di modificare le password.

Non tutti i post riguardavano presunte frodi presso rivenditori autorizzati poiché alcuni provenivano da coloro che lavoravano in un negozio gestito da un’azienda. Oltre al Cramming e al SIM Swap, alcuni venditori affermano di aver subito pressioni per aggiungere servizi, come la copertura assicurativa, che il cliente non aveva richiesto.

Impostazioni privacy