Come sanificare il condizionatore: il metodo corretto per averlo disinfettato e super pulito

Sanificare il condizionatore è indispensabile per non mettere a rischio la nostra salute: ecco come disinfettarlo in modo corretto

Con l’arrivo dell’estate, aumentano le temperature e ovviamente i pareri si dividono. C’è chi ama questa stagione perché si sente libero, ama lasciarsi andare, va in ferie, è spensierato, si viaggia spesso, ci si veste leggeri. E poi c’è invece chi la odia, ed è quindi spesso spossato per via dei cali di pressione, e magari non dorme la notte per il troppo caldo.

Come sanificare il condizionatore
Vuoi sanificare il condizionatore a casa? Ecco come fare-galleriaborghese.it
A differenza dell’inverno che per combatterlo bastano anche solo le coperte, in estate è diverso. Durante la notte fa ancora più caldo e spesso non si respira, ed è per questo che non basta dormire scoperti. È necessario quindi chiudere tutto e climatizzare la casa, appunto con il condizionatore. Questo elettrodomestico è diventato ormai indispensabile. Per via dei cambiamenti climatici, le temperature sono sempre più alte, e l’unico modo per stare freschi è accendere l’aria condizionata.
Ovviamente questo elettrodomestico è tra quelli più energivori che abbiamo in casa, quindi incide molto sulla bolletta. E in questo periodo di forte inflazione e difficoltà economiche, l’unico modo per non avere brutte sorprese, è non esagerare con la temperatura. Il segreto sta nella differenza tra la temperatura all’esterno e quella all’interno, il divario non deve essere troppo alto.
Ovviamente non è il solo accorgimento da tenere a mente, molto importante è anche la sanificazione. Il condizionatore va sempre disinfettato, altrimenti si mette a rischio la nostra salute: scopriamo qual è il modo migliore per farlo.

Come sanificare il condizionatore: è questo il modo migliore per farlo

La sanificazione al condizionatore è un’accortezza che bisogna mettere in pratica almeno una volta all’anno. Spesso si chiama un professionista del settore, ma per evitare di pagare una cifra notevole, è importante saperlo fare in casa. Non tutti lo sanno ma nel condizionatore si accumulano molti germi, vere e proprie colonie di batteri, in questo modo andremo a respirare davvero aria inquinata ogni volta che lo accendiamo.

Come pulire il climatizzatore
Pulire il condizionatore a casa: il metodo facile e pratico-galleriaborghese.it
Detergerlo con costanza è quindi molto importante, in questo modo l’aria sarà pulita e allo stesso tempo salvaguardiamo la nostra salute. Per farlo in casa, ci occorrono alcuni accessori. Prima fra tutti una cerata antischizzo per condizionatori, schiuma sanificante, ace mousse candeggina e uno spruzzino da riempire con acqua calda. La prima cosa da fare è sganciare la bocchetta frontale e i filtri. Copriamo poi l’impianto con la cerata antischizzi proprio specifica per i condizionatori.
Riponiamo poi l’inserto di scolo in un secchio, agitiamo la schiuma sanificante e distribuiamola sullo scambiatore termico e la ventola tangenziale. Lasciamo agire la schiuma per venti minuti e tutto lo sporco si scioglierà. Versiamo sulla griglia di ripresa ad aria circa cinque bottiglie d’acqua caldissima per rimuovere lo sporco. Prendiamo poi un panno umido e spruzziamo sopra Ace Mousse candeggina, ripuliamo così ventola e scambiatore. Sganciamo poi le alette direzionabili e spruzziamoci dentro acqua calda per rimuovere tracce di schiuma e sporco.

Dopodiché laviamo anche le alette e i filtri a rete e infine rivestiamo il bocchettone con carta da cucina e accendiamolo. Per qualche minuto farà fuoriuscire tutti i residui di sporco.

Impostazioni privacy