Chiara Ferragni, cosa succederà alla Milano Fashion Week: la verità sulla sua presenza

Sarà presente Chiara Ferragni alla fashion week di Milano? Cosa accadrà se si presenterà lì? Ecco tutte le risposte.

Lunedì sera su Instagram Chiara Ferragni ha scritto: “Domani sarà un grande giorno” facendo riferimento proprio al fatto che dal 20 al 26 febbraio a Milano si terrà la sfilata di moda più importante del nostro stato. Infatti, durante questa settimana la capitale di Milano si trasformerà nella capitale della moda in occasione della Fashion Week in cui l’argomento principale sarà la collezione autunno/inverno 2024-2025.

Sarà presente Chiara Ferragni alla Fashion week di Milano?
Chiara Ferragni fonte instagram @chiaraferragni galleriaborghese.it

Tutti sanno che questo è un periodo per nulla semplice per Chiara Ferragni la quale, a seguito del pandoro gate, sta vedendo scendere sempre di più i follower del suo profilo. Per il momento i commenti sotto i suoi post sono ancora limitati e l’hating verso di lei sembra essere momentaneamente bloccato molto probabilmente poiché indirizzato su altri eventi di interesse mediatico.

Insomma, le possibilità che Chiara Ferragni torni in pista dopo questo terremoto che l’ha colpita, sono molto alte. Molto probabilmente, il fatto che continui a prolungare l’assenza potrebbe fare in modo che il tutto si trasformi in abitudine, causando quindi anche delle enormi perdite da un punto di vista economico per tutte quelle aziende che contano su di lei. Potrebbe essere la Milano fashion week il primo grande evento che la riporti in pista?

Chiara Ferragni e la Fashion week di Milano

Adesso la palla si trova in mano ai brand i quali possono vedere piovere su di sé una vera e propria shitstorm nel momento in cui invitano l’influencer alla propria sfilata oppure ottenere un’attenzione mediatica per nulla indifferente.

Sarà presente Chiara Ferragni alla Fashion week di Milano?
Influencer alla fashion week? fonte instagram @chiaraferragni galleriaborghese.it

Infatti, ciò che è accaduto in passato non è di buon auspicio. Basti pensare al brand della giacca che la 36enne alcune settimane fa aveva taggato. In quell’occasione l’azienda si è trovata costretta a chiudere i commenti sui social proprio come ha dovuto fare anche l’hotel Champoluc che l’ha ospitata.

A rendere ancora più difficile la situazione già delicata è stata l’ultima puntata del podcast Muschio Selvaggio dove Fedez ha intervistato Marco Travaglio, il direttore de Il Fatto Quotidiano, il quale, attraverso una stoccata ha fatto sì che la voragine sulla vicenda Balocco si riaprisse ancora di una volta dando vita di nuovo alle discussioni social.

La sola designer che ha voluto esprimersi apertamente sulla questione è stata Donatella Versace la quale ha mostrato anche vicinanza ai Ferragnez: “Vorrei sapere esattamente di cosa si debba scusare Chiara. Lei e Fedez hanno fatto sempre beneficenza. Era l’azienda che doveva versare il contributo. Loro sono un esempio per l’Italia e per i giovani”, questo ciò che aveva scritto sotto un post di Chiara Ferragni.

Inoltre, nei giorni passati, Carlo Cafasa, presidente di camera della moda, aveva addirittura confermato la presenza di Chiara Ferragni all’interno del comitato consultivo di camera moda fashion trust, ossia un’iniziativa no profit che appartiene alla CNMI, dopo che aveva ottenuto la nomina nel mese di settembre dello scorso anno.

In occasione della presentazione del calendario delle sfilate, Cafasa aveva affermato: “Noi non crocifiggiamo le persone prima che lo faccia la giustizia. L’aspetto mediatico non è il faro delle nostre scelte”.

Inoltre egli continua affermando che loro non si sentono di “essere giudici prima dei giudici“. La loro intenzione è quella di attendere ciò che accadrà in quanto esiste un codice etico che deve essere applicato ad ogni componente del board e solo in caso di condanna non ha alcuna possibilità di partecipare. Nella stessa occasione aveva anche parlato di quanto potrebbe essere difficile questo momento per Chiara Ferragni in quanto l’unica cosa che può fare è quella di rispettare ogni decisione l’influencer prenderà.

Impostazioni privacy