Caro carburanti, in arrivo il bonus benzina: a quanto ammonta e a chi spetta

I rincari su diesel e benzina spingono il Governo a intervenire: ecco il bonus per rifornirsi al distributore. Chi potrà ottenerlo?

Rincari e aumenti sono insostenibili da diversi mesi ormai. Il prezzo dei carburanti colpisce tutti: chi usa il mezzo per lavoro, ma anche chi, nel corso di quest’estate che volge ormai al termine, ha scelto di viaggiare, spostarsi e raggiungere i luoghi delle vacanze in auto. Ora, però, dovrebbe arrivare un bonus per sostenere gli ulteriori aumenti.

Bonus benzina, 150 euro
Tutto quello che c’è da sapere sul bonus carburanti – galleriaborghese.it

Ulteriori, perché questa situazione ce la portiamo dietro da circa un anno e mezzo, ormai. Dallo scoppio della guerra in Ucraina. Era il 24 febbraio 2022 quando la Russia di Vladimir Putin decideva di invadere il Paese. Da quel momento morte, terrore, con il conflitto riportato nel cuore dell’Europa. Ma anche gravi ripercussioni di tipo economico.

Non ultimo l’aumento indiscriminato di diesel e benzina. Nel corso del 2022, l’allora Governo presieduto da Mario Draghi pose rimedio alla situazione (almeno temporaneamente) con il taglio delle accise, che fece scendere i listini. Una misura che il nuovo Esecutivo, guidato da Giorgia Meloni, non ha inteso riproporre e rinnovare.

Ma i mesi che abbiamo fin qui vissuto hanno visto nuovi aumenti. In particolare in queste settimane, il prezzo di diesel e benzina è salito quasi sempre sopra i due euro al litro, soprattutto in autostrada. Per questo, ora, il Governo sembra davvero deciso ad arginare la situazione. Ecco come.

Bonus carburante, quali sono i requisiti necessari

Per ora, infatti, l’Esecutivo non ha fatto granché. Si è limitato introdurre l’obbligo, da parte dei benzinai, di esporre i prezzi medi con cui viene somministrato il carburante. Questo, evidentemente, per frenare l’azione dei furbetti. Ma tutto ciò non ha di certo fermato l’aumento dei prezzi.

Bonus benzina, chi potrà averlo
Bonus carburante: chi potrà averlo? (Ansa) – galleriaborghese.it

Il Governo, dunque, intende istituire un bonus per il rifornimento del carburante. Una decisione che, evidentemente, esclude, nei fatto, la possibilità di ritornare a un taglio delle accise, come deciso nel 2022 da Draghi. Secondo quanto trapela, il bonus benzina da 150 euro dovrebbe essere riservato alle persone meno abbienti e, in particolare, ai nuclei familiari con un reddito al di sotto dei 25mila euro.

Nulla di certo, né di ufficiale, al momento, ma il ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso (che ha proposto la misura) lavorerà per inserirla nella prossima legge di Bilancio. L’istituzione di questa carta, dovrebbe portare a bilancio spese per circa due miliardi di euro.

Qualora dovesse passare la linea Urso, la carta carburante da 150 euro sarebbe cumulabile con un altro bonus in sostegno dei più deboli, ovvero la carta Dedicata a te, già in uso presso un milione di famiglie. Sarà l’INPS a verificare i requisiti degli eventuali beneficiari e far partire poi l’iter.

Impostazioni privacy