Cancellare un’ipoteca sulla casa oggi è più semplice e non si paga nulla

Come scoprire quali sono i casi in cui è possibile richiedere la pratica di cancellazione gratuita dell’ipoteca sulla propria abitazione.

Nel momento in cui si estingue il mutuo sulla propria casa, l’ultimo passaggio da effettuare è quello di cancellare l’ipoteca a garanzia del prestito. Solitamente, la procedura abituale prevede la stipula di un atto notarile di cancellazione. Gli oneri del notaio previsti sono, ovviamente, a carico del debitore. Tuttavia, è possibile per il cittadino godere di alcune agevolazione nella cancellazione dell’ipoteca. Scopriamo quali possono essere.

Come fare per cancellare ipoteca
Cancellare ipoteca – Galleriaborghese.it

Uno di questi casi può essere quando il debitore abbia ottenuto un mutuo da una banca. Pertanto, il cittadino debitore potrà usufruire di una procedura semplificata, rapida e sicuramente maggiormente vantaggiosa per cancellare l’ipoteca. In particolare, questo procedimento non comporterebbe alcun impegno economico per il cliente che ha ottenuto il mutuo. Ma come è possibile richiedere questa procedura?

La procedura semplificata per la cancellazione dell’ipoteca è regolata dall’articolo 40-bis del Testo Unico Bancario (TUB). Nello specifico, può essere applicata solamente in presenza in specifiche condizioni. Per esempio, come detto precedentemente, il mutuo deve essere concesso da un ente creditore abilitato, ad esempio una banca. Inoltre, il mutuo può essere di tipo fondiario oppure non fondiario, ma dovrà essere estinto regolarmente. Infine, il creditore deve rilasciare una quietanza di pagamento (ovvero la ricevuta che attesta l’avvenuto pagamento).

Come richiedere la cancellazione gratuita dell’ipoteca sulla casa

Il procedimento per richiedere la cancellazione dell’ipoteca, in presenza di un mutuo bancario, è sicuramente sia più rapido che economico rispetto all’ordinario. Tuttavia, è necessario seguire con attenzione tutti i passaggi e portarli a termine nelle tempistiche richieste. La procedura di cancellazione automatica dell’ipoteca viene attivata dalla banca nel momento in cui il debitore ha pagato l’ultima rata del finanziamento. Tuttavia, in alcuni casi, l’istituto bancario può riservarsi di non voler cancellare l’ipoteca.

È possibile cancellare gratuitamente l'ipoteca se il mutuo è stato concesso dalla banca
Se il mutuo è stato concesso dalla banca, l’ipoteca può essere cancellata gratuitamente (galleriaborghese.it)

Se l’istituto bancario non volesse mantenere la garanzia ipotecaria allora dovrà trasmettere, entro 30 giorni, la quietanza attestante la data di estinzione del mutuo all’Agenzia delle Entrate-Ufficio del Territorio di riferimento. Successivamente, dovrà avvisare il debitore dell’avvenuta cancellazione attraverso posta raccomandata, posta elettronica certificata (PEC) oppure email ordinaria. Trascorso il termine di 30 giorni, il direttore dei registri immobiliari procederà d’ufficio alla cancellazione dell’ipoteca entro il giorno successivo.

Nel caso in cui la banca non comunichi il debitore della procedura della cancellazione, non è prevista alcuna sanzione specifica. Tuttavia, in qualsiasi momento, il debitore potrà verificare tranquillamente lo stato di cancellazione della pratica attraverso il sito-web dell’Agenzia delle Entrate. In particolare, sarà necessario consultare in modo gratuito l’apposito registro.

Impostazioni privacy