Bronchite come riconoscerla e cosa fare subito per stare meglio

Hai il sospetto di aver preso una bronchite? Ecco come fare a riconoscerla e combatterla in maniera efficace. 

L’infiammazione dei bronchi può essere confusa con una semplice tosse, raffreddore o con altre malattie stagionali che in questo periodo si diffondono più che nel resto dell’anno, ma per curarla occorre innanzi tutto capire di fronte a quale patologia ci si trova. Ecco come fare.

come riconoscere la bronchite
I segnali che ti aiutano a capire che si tratta di bronchite Galleriaborghese.it

Se hai muchi, colpi di tosse, sintomi influenzali, affaticamento e fastidi alle vie respiratorie potresti avere la bronchite. Scopri come si fa a curarla e quali medicinali prendere e quali invece evitare. Se la trascuri potresti rischiare di farla diventare cronica. Leggi il parare degli esperti di medicina sui comportamenti migliori da seguire in caso di infiammazione della mucosa che riveste i bronchi.

Bronchite, come riconoscerla e curarla al meglio

Purtroppo la stagione dei malanni è appena cominciata, ed è anche quella in cui si corre ai ripari quando ci si ammala, andando in farmacia e comprando farmaci di automedicazione per curare la tosse, la bronchite, l’influenza e gli altri disturbi dovuti a malattie da virali o da raffreddamento. Sbalzi termici, inquinamento atmosferico e virus proprio nei mesi dell’autunno e dell’inverno colpiscono più che in altri momenti dell’anno, e l’infiammazione a carico di bronchi è tra le più diffuse. Per combatterla occorre riconoscerla ma purtroppo spesso non viene riconosciuta subito, anzi viene confusa con una semplice tosse, e dunque non viene curata efficacemente. Come fare dunque a capire che si è proprio di fronte a una forma di bronchite, e come curarla al meglio?

curare la bronchite
Come riconoscere e curare la bronchite Galleriaborghese.it

A quanto pare secondo il professore Alessandro Zanasi, per sconfiggere l’infiammazione della mucosa che riveste i bronchi, nota come bronchite, occorre, nei casi lievi un farmaco muco attivi. Per tanto se è un solo una malattia da raffreddamento si può curare la tosse e il catarro con i farmaci di automedicazione. Non bisogna prendere medicinali a base di codeina, ovvero i tradizionali sedativi da banco, perché calmano la tosse ma bloccano le secrezioni dei bronchi.

La bronchite purtroppo però può anche manifestarsi in maniera acuta, e diventare cronica. In questo caso dura tutto l’anno, mentre in caso di bronchite lieve i sintomi, che sono per lo più tosse, produzione di catarro, senso si affaticamento e difficoltà a respirare e disturbi influenzali, spontaneamente nel corso di 2-3 settimane massimo. Se dunque notiamo che i sintomi non sono solo la tosse ma un insieme di fastidi e soprattutto se ci accorgiamo che la guarigione è più lenta del dovuto, dobbiamo consultare uno specialista per scongiurare una possibile bronchite cronica, che va curata diversamente. Aerosol, medicinali bronco dilatanti e antibiotici possono aiutare a guarire dalla bronchite cronica.

Impostazioni privacy