Assegno unico con arretrati, attenzione all’ISEE: bisogna aggiornalo

L’Assegno Unico è in vigore dal 2022 e i percettori devono aggiornare costantemente la documentazione, a partire dall’ISEE.

L’Assegno Unico è rivolto ai nuclei familiari con figli minorenni, ma l’importo varia a seconda dell’ISEE e anche dei cambiamenti che possono avvenire all’interno del nucleo stesso.

assegno unico arretrati isee aggiornamento
Attenzione al mese di giugno, fondamentale per gli arretrati dell’Assegno Unico – Galleriaborghese.it

Ecco perché risulta fondamentale controllare periodicamente la situazione e comunicare all’INPS qualsiasi variazione o aggiornamento. L’Istituto di Previdenza a gennaio 2024 ha rilasciato una comunicazione in merito alle date di erogazione dell’Assegno Unico Universale per i figli a carico.

Le date del mese di giugno però sono diverse dagli altri mesi perché nel corso del sesto mese dell’anno l’INPS effettua una serie di controlli al fine di erogare eventuali arretrati o effettuare altre azioni, come ad esempio sospendere o bloccare l’assegno se non sussistono più i requisiti.

Assegno Unico con arretrati, cosa fare a giugno: le comunicazioni relative all’ISEE

L’istituto di previdenza ha previsto l’erogazione del contributo nei giorni compresi tra il 17 e il 19 giugno. Queste date però valgono solamente per chi non ha subito variazioni nel reddito o nella composizione del nucleo familiare. Chi invece ha aggiornato l’ISEE o si appresta a comunicare eventuali variazioni (maggiore età di un figlio, nuova gravidanza o diagnosi di disabilità grave eccetera) vedrà cambiare non solo l’importo ma anche la data di erogazione. In questi casi infatti il pagamento slitta al periodo compreso tra il 24 e il 30 giugno 2024.

Assegno Unico arretrati giugno comunicazioni ISEE
Le date di erogazione dell’Assegno Unico cambiano a giugno: ecco il motivo  – Galleriaborghese.it

È importante ricordare che l’aggiornamento ISEE deve essere effettuato proprio entro e non oltre il 30 giugno, perché altrimenti si perde il diritto agli arretrati, anche se viene riconosciuto un importo superiore a quello precedente. Chi avesse dubbi sulla situazione della propria pratica non deve fare altro che visitare il sito INPS, accedendo con le credenziali digitali. 

In alternativa, ricordiamo che l’INPS per qualsiasi comunicazione inerente l’Assegno Unico invia SMS al numero di cellulare fornito in sede di richiesta dell’assegno, e inoltre gli alert arrivano anche tramite l’App IO. L’Assegno Unico Universale è un contributo concreto alle famiglie, anche se di recente gli italiani hanno fatto una brutta scoperta.

Dall’ultimo rapporto Eurostat è emerso che gli importi erogati agli italiani sono di molto inferiori a quelli erogati a favore delle famiglie degli altri Paesi europei. In media in Italia si arriva ai 380 euro circa, a fronte dei 770 euro erogati in media nel resto d’Europa. Anche calcolando la differenza sul costo della vita, la cifra – come specificato da Eurostat – è comunque troppo bassa. Un altro triste primato per questa Italia che sta affondando sempre di più in una crisi economica senza precedenti.

Gestione cookie