Aspirina da evitare assolutamente in tutti questi casi: i medici lanciano il grave allarme

I medici lanciano un nuovo allarme sull’aspirina. In certi casi può causare gravi sintomi o essere letale. Ecco chi non può assumerla.

L’aspirina è uno dei farmaci analgesici più utilizzati per prevenire il dolore. Uno dei vantaggi è che si tratta di una medicina efficace e insapore. È venduta in tavolette che si sciolgono nell’acqua e che appaiono incolore. Si tratta di uno dei farmaci più vecchi per prevenire disagi come mal di testa e altri tipi di dolori di medio-lieve entità. Sono cinque milioni gli italiani che ne fanno uso anche abituale.

Allarme Aspirina, i rischi per chi l'assume
Quando non prendere l’aspirina -galleriaborghese.it

Il farmaco è composto da acido acetilsalicitico, un’antica ricetta che deriva dalla medicina ippocratica, ovvero 400 anni prima la nascita di Cristo. Il medico Ippocrate aveva scoperto che le foglie del salice fossero efficaci per lenire il dolore e curare alcuni disturbi. L’aspirina risale a tempi più moderni, a partire dall’Ottocento, ed è utilizzata in tutto il mondo. Prodotta dalla Bayer, ce ne sono di diverse tipologie, anche quasi omeopatiche.

Aspirina, ecco quando non bisogna prenderla e i rischi gravissimi

Negli ultimi anni, i medici hanno lanciato un allarme sull’aspirina. Uno dei medicinali più utilizzati in antichità oggi è finito sotto attacco a causa delle malattie che può causare. Differenti studi hanno scoperto che ci sono delle categorie di persone che non possono prendere questo farmaco, a cui sono stati associati anche sintomi molto gravi. Inoltre, esistono individui allergici.

Categorie di persone a cui fa male l'Aspirina
Ecco chi non può prendere l’aspirina – galleriaborghese.it

Ci sono delle controindicazioni sull’assunzione dell’aspirina e delle categorie di persone che non dovrebbero mai prendere questo farmaco. In primis i bambini sotto i 12 anni, le donne in gravidanza o durante l’allattamento al seno. È pericoloso anche per chi soffre di vene varicose, ulcere e traumi da lividi o ematomi. Controindicata anche per coloro che soffrono della malattia di Crohn, emorroidi sanguinanti e retticolite ulcerosa.

Anche le persone con patologie allo stomaco dovrebbero evitare l’aspirina, così come chi soffre di ulcere gastriche o gastrite. L’aspirina può far male anche agli ipertesi o chi è esposto a ictus ed emorragie in quanto si tratta di un farmaco che causa problemi di coagulazione. Chi rientra chi è andato recentemente dal dentista per un intervento dentario e chi soffre di gengive sanguinanti dovrebbe ugualmente evitare la medicina, perché può provocare una sanguinazione più intensa.

Nelle categorie di persone a cui non andrebbe prescritta aspirina ci sono, ovviamente, gli allergici al farmaco. Ma anche chi soffre di asma, insufficienza renale o epatica. L’aspirina è incompatibile con le terapie anticoagulanti e l’eparina, per il Clopidogrel e la ticlopidina. Altri farmaci incompatibili sono immunosoppressori e ciclosporina. Gli esperti hanno lanciato un allarme sull’utilizzo dell’aspirina da parte di questi pazienti.

Impostazioni privacy