Amadeus, la sua vita appesa ad un filo: le sue condizioni erano così gravi che si è salvato per miracolo

Amadeus lo racconta per davvero, in passato ha rischiato la vita: il conduttore si è sempre considerato un miracolato, le condizioni erano gravi.

Non ci sono dubbi sul fatto che Amadeus sia uno dei conduttori di punta di Rai Uno, il suo successo è sotto gli occhi di tutti e cresce di settimana in settimana, ma in attesa di rivederlo nuovamente timoniere al Festival di Sanremo, evento per cui ha dato già tante anticipazioni, trattiamo un argomento in particolare.

Amadeus lo svela solo adesso: ha rischiato di morire
Amadeus e la malattia che lo ha portato in punto di morte foto Ansa -galleriaborghese.it

Nel suo passato le cose non sono sempre andate nel migliore dei modi, per sua stessa ammissione il presentatore ha rivelato di essere stato un miracolato, ma non per quello che riguarda la sua professione, ma per la sua vita stessa. Il particolare ha infatti a che fare con una malattia che ha contratto a sette anni.

In quel periodo si è anche trovato ricoverato all’ospedale di Bussolengo per ben due mesi: “Fui tra la vita e la morte” ha svelato in una sua intervista il conduttore, ma approfondiamo l’argomento per capire qualche cosa in più.

Amadeus: “Sono un miracolato, ho rischiato di morire”

Le cose sono andate proprio cosi, ad averne parlato è stato lo stesso Amadeus che nella sua lunga intervista per OK Salute ha svelato di avere rischiato la vita quando aveva diciassette anni per via di una malattia che lo ha costretto per due mesi in ospedale.

Amadeus, per colpa di quella malattia ha rischiato la vita
Amadeus: il racconto della miracolosa guarigione dalla nefrite foto Ansa -galleriaborghese.it

Sono un miracolato. A 7 anni mi ammalai gravemente di nefrite e fui tra la vita e la morte. Fu durissima, i medici erano pessimisti” ha raccontato sottolineando come le sue condizioni erano cosi gravi che i genitori, in preda alla disperazione si affidarono alle preghiere a Santa Rita da Cascia.

Continuando il suo racconto, il conduttore Rai ha aggiunto: “Avevo solo sette anni, eppure di quel periodo conservo ancora un ricordo molto nitido. E ricordo che, anche se poi si è concluso tutto per il meglio, nei due anni successivi ho dovuto rinunciare a correre, scatenarmi, perfino a praticare sport, come invece, a quell’età, si ama tanto fare”.

Insomma davvero un periodo particolare quello della sua vita che poi per fortuna si è risolto per il meglio ma che ancora oggi è impresso a fuoco nella sua memoria. Detto questo, il conto alla rovescia per il nuovo Festival di Sanremo è già cominciato, dopo avere presentato i co-conduttori delle cinque serate, adesso tocca ai nomi dei big in gara che saranno annunciati il prossimo 3 Dicembre.

Impostazioni privacy