Al Bano, la dichiarazione su Ylenia: sa come è morta la figlia tanti anni fa

Al Bano e Romina hanno pareri opposti su cosa sia capitato alla figlia Ylenia. Il cantante di Cellino San Marco non ha dubbi.

Ylenia Carrisi è scomparsa nei primi giorni di gennaio del 1994. Quale sia stato il suo destino è un mistero che forse non verrà mai svelato. La sua storia ha riempito le pagine dei giornali di tutto il mondo per via della fama dei suoi genitori, i cantanti Al Bano e Romina Power.

Al Bano Ylenia Carrisi cosa è accaduto
Il cantante pugliese Al Bano ha parlato della figlia Ylenia e di come crede che sia morta. (Foto Ansa) – galleriaborghese.it

L’ultimo contatto con la famiglia è avvenuto durante la notte di Capodanno tramite una telefonata per scambiarsi gli auguri. Ylenia, infatti, non si trovava nella sua dimora in Puglia, bensì era negli Stati Uniti. Più precisamente nella città di New Orleans dove divideva una stanza d’albergo con il musicista di strada Alexander Masakela, sebbene pare non vi fosse una relazione di tipo sentimentale tra i due. Secondo Romina Power sarebbe stato proprio l’uomo ad aver avuto un ruolo decisivo nel far sparire la figlia, segregandola da qualche parte. Il padre Al Bano non è dello stesso avviso.

Al Bano non ha dubbi: ecco cosa è successo a Ylenia 30 anni fa

Una delle motivazioni che forse ha fatto allontanare Al Bano e Romina Power fino a causare il divorzio è stata l’idea diversa che avevano sula scomparsa della figlia Ylenia. La cantante americana, infatti, crede che sia ancora viva, che si nasconda o che sia entrata in qualche tipo di setta. Sui suoi canali social continua a lanciare appelli e ad agognare il suo ritorno.

Al Bano Ylenia Carrisi cosa è accaduto
Romina Power e sua figlia Ylenia Carrisi. Mistero su cosa sia accaduto alla giovane. (Instagram @rominaspower) – galleriaborghese.it galleriaborghese.it

Al Bano, al contrario, pensa che la figlia sia morta trent’anni fa. Nel gennaio 2013 ha presentato istanza di dichiarazione di morte presso il tribunale di Brindisi, poi accolta. Ritiene attendibile la testimonianza di un uomo di nome Albert Cordova, guardiano notturno dell’Audubon Aquarium of the Americas, che disse di aver visto la notte del 6 gennaio una ragazza bionda gettarsi nel Mississippi. Cercò di bloccarla ma lei rispose: “Io appartengo alle acque”. Sarebbe stato, dunque, un suicidio. Il cantante di Cellino San Marco ritiene che la giovane figlia fosse sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

“Ho nutrito per anni la speranza, ma oggi so che se n’è andata tra le acque di quel fiume“, ha detto Al Bano in un’intervista. Ha raccontato quanto sia stato difficile ripercorrere quel periodo nella sua autobiografia: “Ho bevuto fino a stordirmi prima di aggiungere al libro la parte sulla scomparsa di mia figlia Ylenia. Non ho neppure voluto rileggerlo”.

Impostazioni privacy