Ai bambini sotto 12 anni non bisognerebbe far usare lo smartphone, gli effetti sono sconvolgenti | Lo studio che crea il panico

Gli smartphone sono dannosi e non solo per gli adulti: ecco quali sono gli effetti sconvolgenti che hanno sui bambini sotto i 12 anni.

Ormai tutte le persone hanno un loro cellulare, in alcuni casi anche più di uno. Non stiamo parlando solo di adulti, ma di anche di ragazzi molto giovani e addirittura di bambini piccoli.

Gli effetti dell'uso di smartphone sui bambini
Ecco perché non bisognerebbe far usare lo smartphone ai bambini che hanno meno di 12 anni – galeriaborghese.it

Non è difficile camminare per strada o essere al ristorante e vedere come alcuni ragazzini abbiano un cellulare in mano con cui mandano messaggi, giocano a videogiochi tramite le app oppure guardano film e cartoni animati. Purtroppo l’utilizzo dei cellulari o dei tablet nei giovanissimi è sempre più diffuso e ciò non aiuta assolutamente la loro salute, ma anzi può causare gravi danni e rischi.

Quali sono i rischi nel far usare un tablet o uno smartphone ai più giovani

Riguardo a questo tema è stata svolta proprio una ricerca dall’università Bicocca di Milano e della Supsi (la Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana) in cui sono stati analizzati gli esami Invalsi dei ragazzi sotto i 14 anni di età. L’analisi è stata svolta sui ragazzini dai 10 ai 14 anni mettendo a confronto chi riceve un cellulare prima dei 12 anni, nel passaggio tra la scuola primaria e secondaria di primo grado, con chi invece lo riceve dopo.

Effetti sconvolgenti smartphone
L’utilizzo degli smartphone fa socializzare molto meno i ragazzi – galleriaborghese.it

Dai risultati analizzati dai dati del lavoro svolto su un totale di 1672 studenti delle scuole secondarie di primo grado, è emerso che l’utilizzo dei cellulari prima dei 12 anni di età non favorisce per nulla l’apprendimento, ma in verità riduce le capacità scolastiche di chi ha avuto a che fare con gli smartphone e i tablet fin da più piccolo.

È stato notato come l’uso degli smartphone durante l’infanzia sia più dannoso soprattutto per chi ha delle fragilità preesistenti, che possono essere dovute sia a condizioni psicologiche che al contesto familiare. L’ideale sarebbe quindi aspettare almeno il raggiungimento dei 12 o 14 anni prima di dare un cellulare o un tablet a un bambino, facendolo crescere all’aria aperta e lontano dalla continua esposizione agli schermi.

Inoltre, l’università Bicocca sta svolgendo altre ricerche su un progetto in particolare chiamato Eyes Up che è volto all’analisi dell’impatto che i dispositivi e le esperienze sul mondo online in giovane età hanno sui livelli di apprendimento non solo nella scuola secondaria di primo grado, ma anche nel resto della carriera scolastica degli studenti.

Impostazioni privacy