3 trucchi che ti aiuteranno a non andare più in bagno di notte: li rivela l’urologo

Ecco tre trucchi, secondo un esperto, con cui gli uomini possono gestire la frequenza con cui vanno in bagno di notte 

Ci sono uomini che hanno spesso un bisogno impellente di andare in bagno durante la notte, e magari accade che vadano più di una volta. Questa situazione, quando molto frequente, indica un problema che va risolto, in quanto toglie tempo al sonno e non fa dormire bene la persona che ne soffre.

andare in bagno di notte: come risolvere secondo l'urologo
Andare troppo spesso in bagno di notte: come risolvere il problema secondo l’urologo – galleriaborghese.it

A parlare di questo problema in una recente intervista nel podcast Drive del dr. Peter Attia, è stato il dottor Edward Schaeffer, urologo della Northwestern Medicine. Schaeffer, durante il colloquio, ha fornito alcuni consigli sulla gestione della frequenza con cui gli uomini vanno in bagno durante la notte. Ecco che cosa ha detto in proposito.

Tre consigli per non andare più in bagno di notte, secondo l’esperto

Il dottor Schaeffer, urologo specializzato in cancro alla prostata, ha fornito consigli importanti agli uomini, per non andare in bagno di notte, o il meno possibile. Il medico ha spiegato che lo stimolo di fare pipì durante la notte, conosciuto come nicturia, ha a che fare con la pressione sulla vescica, provocata da prostata ingrossata.

Andare in bagno di notte: tre trucchi per non farlo
Per evitare di alzarsi frequentemente durante la notte per andare in bagno, è consigliato prestare attenzione a ciò che si beve prima di coricarsi – galleriaborghese.it

Dati rivelati dall’American Cancer Society, stimano che a un uomo su 8 sarà diagnosticato cancro alla prostata nel corso della sua esistenza. Schaeffer spiega che ci sono diverse persone che hanno una certa frequenza urinaria notturna, modificabile con alcuni consigli.

Nel dettaglio, il dottore raccomanda di non bere acqua subito prima di addormentarsi, e se ci si alza durante la notte per fare pipì, non bisogna bere ancora acqua proprio quando ci si alza per urinare. L’urologo ci ha tenuto a sottolineare che ci sono liquidi che fungono da diuretici naturali, e tra questi c’è il tè freddo con caffeina. Questo può dare problemi nel corso della nottata.

Altra cosa da evitare, spiega ancora l’urologo, è quella di bere alcolici prima di andare a letto, perché potrebbero fungere da stimolanti per urinare la notte. Infine, l’ultimo consiglio del medico è quello di portare calze alte fino al ginocchio: può essere un valido aiuto. Il medico ha sottolineato che l’edema periferico può avere un certo influsso sulla quantità di urina, sia negli uomini che nelle donne.

L’esperto ha lanciato un messaggio a coloro che si alzano due volte a notte e hanno un po’ di edema, che con alcune modifiche a livello di comportamento è possibile diminuire la frequenza con cui si urina di notte di almeno un’unità. Tutto ciò passando dal modificare quel che si beve e mettendo calze TED.

Impostazioni privacy