Madonna col Bambino

(1437) tempera su tavola cm. 151x66

FILIPPO LIPPI

Datato sul cartiglio la base del trono A.D. M. MCCCCXXXVII è probabilmente commissionato al Lippi da Giovanni Vitelleschi arcivescovo di Firenze dal 1435 al 1437, il quale possedeva un palazzo a Corneto. L'opera proviene probabilmente dal convento agostiniano di San Marco che era in stretto collegamento con la famiglia Vitelleschi.

E' segnalata per la prima volta dal Toesca nel 1917 ed è fondamentale per la sua impostazione spaziale e prospettica e per la datazione, nella ricostruzione dell'attività del Lippi. La ricerca plastica che riconduce direttamente a Masaccio, caratterizza una precisa fase dell'artista precedente agli influssi dell'Angelico e ad un progressivo attenuarsi del preminente interesse prospettico-spaziale.

Datato sul cartiglio la base del trono A.D. M. MCCCCXXXVII è probabilmente commissionato al Lippi da Giovanni Vitelleschi arcivescovo di Firenze dal 1435 al 1437, il quale possedeva un palazzo a Corneto. L'opera proviene probabilmente dal convento agostiniano di San Marco che era in stretto collegamento con la famiglia Vitelleschi.

E' segnalata per la prima volta dal Toesca nel 1917 ed è fondamentale per la sua impostazione spaziale e prospettica e per la datazione, nella ricostruzione dell'attività del Lippi. La ricerca plastica che riconduce direttamente a Masaccio, caratterizza una precisa fase dell'artista precedente agli influssi dell'Angelico e ad un progressivo attenuarsi del preminente interesse prospettico-spaziale.

Galleria Nazionale d'Arte Antica. Palazzo Barberini

La guida agevola il visitatore alla scoperta dei capolavori custoditi nella Galleria.

  • L. M. Onori - R. Vodret
  • Brossura, 16,5x23 cm, pp. 152, 133 ill. col.
  • € 14,00
Scopri di più