La Dama con Liocorno

RAFFAELLO SANZIO

Accurate indagini eseguite sul dipinto hanno permesso di chiarirne la complessa genesi e di ricostruirne la storia.

L’idea iniziale è riconducibile a un disegno di Raffaello, conservato al Louvre, che rappresenta una nobildonna con le braccia conserte e un paesaggio sul fondo.

Probabilmente Raffaello, per motivi che non conosciamo, non portò a termine il dipinto e in un secondo momento un altro artista completò la figura modificando la posizione e la dimensione delle maniche, aggiungendo un piccolo cane e il davanzale con le colonne con i plinti. Il ritratto divenne così una rappresentazione della “fidelitas”.

Non molto tempo dopo il cane fu trasformato in liocorno.

Nel XVII secolo, in piena Controriforma, la dama divenne Santa Caterina: le spalle e le maniche furono coperte da un manto e il liocorno fu sostituito dalla ruota e dalla penna d’oca, attributi della Santa.

La fanciulla indossa una veste di seta gialla dalla quale fuoriesce una camicia bianca: le maniche di velluto rosso sono fermate da nastri, mentre la vita è segnata da una cintura di cuoio con decori in oro tra i capelli annodati in una lunga treccia, spunta un diadema, mentre un prezioso pendente formato da un rubino sormontato da uno smeraldo e concluso da una perla è annodato al collo con sottili catenelle d’oro.

L’iconografia rimanda ad un ritratto nuziale, ma la dama non è stata identificata: tra il 1505 e il 1507 andò probabilmente in sposa ad uno dei committenti di Raffaello, attivo in quegli anni tra Firenze, Perugia, Urbino ed anche Roma.

Il ritratto incompiuto ha perso il legame con la sua committenza originaria e la bionda nobildonna è divenuta una allegoria della Castità.

GUIDA ALLA GALLERIA BORGHESE

Il volume introduce alla superba raccolta, conservata nell'edificio (XVII secolo) del cardinale Scipione Borghese, che annovera innumerevoli capolavori d'arte: dipinti e sculture dal XV al XVIII secolo (Raffello, Correggio e Caravaggio), sculture (Bernini), bassorilievi e mosaici.
  • K. H. Fiore
  • Brossura, 16,5x23 cm, pp. 128, 141 ill. col.
  • € 16,90
SCOPRI DI PIù
All Rights Reserved