Festino di Marcantonio e Cleopatra

(1702)

FRANCESCO TREVISANI

L'opera fu commissionata da Fabrizio Spada e pagata nel 1702. La scena è tratta da Plinio (Hist. Nat. IX,cap. LVIII).

Marcantonio, invitato da Cleopatra ad un banchetto, rimase colpito dal grande fasto. Per dimostrare la sua indifferenza alle ricchezze, Cleopatra tolse da un suo orecchino una perla preziosa e la sciolse nel vino. Mentre si accingeva a ripetere il gesto, Marcantonio la fermò, dichiarandosi vinto. Tutt'intorno i servitori che vanno e vengono con cibi e bevande; in primo piano un nano che tiene un cane al guinzaglio.

Nell'episodio, descritto con gusto teatrale, trovano posto preziosi particolari che fondono insieme elementi della tradizione veneta cinquecentesca con quelli del classicismo romano.

L'opera fu commissionata da Fabrizio Spada e pagata nel 1702. La scena è tratta da Plinio (Hist. Nat. IX,cap. LVIII).

Marcantonio, invitato da Cleopatra ad un banchetto, rimase colpito dal grande fasto. Per dimostrare la sua indifferenza alle ricchezze, Cleopatra tolse da un suo orecchino una perla preziosa e la sciolse nel vino. Mentre si accingeva a ripetere il gesto, Marcantonio la fermò, dichiarandosi vinto. Tutt'intorno i servitori che vanno e vengono con cibi e bevande; in primo piano un nano che tiene un cane al guinzaglio.

Nell'episodio, descritto con gusto teatrale, trovano posto preziosi particolari che fondono insieme elementi della tradizione veneta cinquecentesca con quelli del classicismo romano.

Guida alla Galleria Spada

Il volume introduce alla visita alla Galleria dove sono conservati dipinti prevalentemente del XVII secolo sculture antiche, arredi e mobili d'epoca.

  • Vicini, Maria Lucrezia.
  • Brossura, pp. 96, cm 16,5x23, ill. col.
Scopri di più